il piazzale di Mazzarò

Il Comune di Taormina vuole puntare sulla realizzazione di una nuova bretella in grado di collegare il centro storico con la zona mare. Si tratta di una progettualità che in realtà era già stata prospettata in passato ma che non si è mai concretizzata. All’altezza di contrada Bongiovanni, dove c’è l’ormai ex piscina comunale, andando infatti verso valle si trova un percorso che, se messo in sicurezza e a norma, porterebbe direttamente alla zona di Mazzarò, al piazzale cioè dove la funivia fa arrivare ogni giorni tanti turisti. Il collegamento interesserebbe anche le vicine aree litoranee di Isolabella e Spisone.

Sbocco d’emergenza. Si tratta di un percorso che in passato era stato valutato positivamente per quella che potrebbe essere l’utilità sia dalla Protezione Civile che dal 118, in quanto potrebbe rappresentare uno sbocco d’emergenza, alternativo all’attuale sistema di viabilità sia in caso di eventuali calamità naturali (che si spera non avvengano mai) sia soprattutto per le emergenze sanitarie, che soprattutto nei mesi estivi si verificano con una maggiore frequenza. Proprio d’estate, d’altronde, si rischia anche di trovare le strade intasate e i mezzi di soccorso rischiano di rimanere bloccati nel traffico, perdendo quei minuti preziosi che spesso possono rappresentare una via di confine tra la vita e la morte, e che sono preziosi insomma per salvare i pazienti a rischio.

Ricognizione sui luoghi. Per questo si intende fare una ricognizione sullo stato dei luoghi ed anche valutare se dovesse esserci la necessità di effettuare qualche esproprio, nel contesto comunque di un progetto che avrebbe una indubbia rilevanza per creare un’alternativa all’attuale piano di viabilità che può contare soltanto sulla Via Garipoli, senza comunque dimenticare la Via Pirandello, per collegare Taormina centro con la zona litoranea. Si tratterebbe di una bretella che, partirebbe ai piedi della ex piscina e approderebbe nel piazzale di Mazzarò, rappresentando una vera e propria via di fuga, lungo un terreno esistente, da spianare e da mettere in sicurezza e rendere idoneo al transito veicolare.

Soluzione strategica. Già qualche anno fa c’era stato un sopralluogo di alcuni rappresentanti territoriali del 118, che avevano valutato in termini favorevoli questa soluzione. Ora il sindaco Mario Bolognari ritiene che possa trattarsi di una soluzione strategica, funzionale alle necessità di sicurezza della città, specie appunto in previsione dei periodi di massima pressione veicolare che caratterizzano nell’arco dell’anno Taormina. Si conta perciò di capire la situazione con un sopralluogo, per poi capire quale progettualità portare avanti e quindi poi avviare la trafila delle richieste di autorizzazioni per concretizzare eventualmente questa iniziativa.

© Riproduzione Riservata

Commenti