l'assessore alla Pubblica Istruzione, Francesca Gullotta

Il Comune di Taormina ha impegnato la somma di 47 mila 590 euro per la realizzazione delle attività di potenziamento dell’assistenza economica sul territorio per i soggetti bisognosi, attraverso il fondo di solidarietà sociale e anti-crisi. Si andrà, quindi ad attuare l’erogazione dell’assegno civico e della relativa misura di solidarietà sociale, nell’ambito Piano di Zona 2013 – 2015 del Distretto Socio Sanitario 32, di cui Taormina è comune capofila. In questo caso verrà posta in essere una parte del progetto. E’ stata in precedenza assegnata al distretto la somma complessiva di 763 mila 522 euro inerente i due interventi da effettuare nel triennio: l’assegno civico nella misura del 46,147% e il fondo di solidarietà sociale nella misura del 53,852%. L’iter viene seguito dall’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Taormina, la prof. Francesca Gullotta.

Oltre il mero assistenzialismo. “Con questa iniziativa – hanno evidenziato il sindaco Mario Bolognari e l’assessore Francesca Gullotta – si intende superare il mero assistenzialismo e promuovere esperienze di cittadinanza attiva, al fine di stimolare le potenzialità lavorative di coloro che versano in uno stato di difficoltà, prevenendo così eventuale isolamento e possibili forme depressive che spesso insorgono anche a causa dell’assenza di lavoro”. L’iniziativa si propone di offrire al beneficiario un percorso lavorativo funzionale a favorirne l’autonomia e la dignità personale, per consentirgli di uscire dallo stato di indigenza e precarietà ed avviarsi verso un percorso di inclusione sociale.

Le attività previste. Le attività lavorative predisposto nei mesi scorsi consistono in un impegno di 20 ore settimanali per la durata di tre mesi. Gli interventi da attuare sono stati preventivati per attività di pulizia e custodia di spazi comuni (Cimiteri, Giardino Pubblico, Beni Culturali) ed interventi nel sociale per il sostegno alle persone anziane, ai disabili e ai Servizi scolastici. L’assegno civico è di 500 euro mensili per 20 ore settimanali.

Fondo di solidarietà sociale. Con il Fondo di solidarietà sociale, invece, si prevede l’erogazione di contributi con “voucher una tantum” a persone disoccupate e in condizione di disagio economico per le quali verranno attivati degli interventi di integrazione al reddito familiare, per acquisto derrate alimentari, canone di locazione, spese viaggi per l’accesso a cure specialistiche al di fuori del Distretto D32, spese funerarie, acquisto farmaci non coperti dal Servizio Sanitario Nazionale, prodotti e servizi per bambini, adolescenti, disabili e anziani.

© Riproduzione Riservata

Commenti