alcuni problemi segnalati a Trappitello

“Si parla sempre di grandi opere ma poi troppo spesso ci si dimentica dell’ordinaria amministrazione e delle piccole cose che rappresentano poi le condizioni essenziali di vivibilità sul territorio. A Trappitello degrado e pericoli caratterizzano aree come la piazza Falcone e Borsellino e la principale strada della frazione, la Via Francavilla”. Il monito arriva da Iolanda Ferrara, esponente del Comidi (Comitato Insieme per i Nostri Diritti), che accende i riflettori sulle problematiche di Trappitello e invita il Comune ad attenzionare la situazione di alcune aree della popolosa cittadina, dove si segnalano anche dei possibili pericoli per i cittadini.

Le cose che non vanno. “Piazza Falcone e Borsellino – spiega Iolanda Ferrara – si presenta piena di mattonelle sconnesse e pericolose, i rami degli alberi ormai toccano quasi terra ma la cosa più grave è la presenza di un contatore elettrico senza sportello, evidentemente molto pericoloso per i bambini. Analogo discorso vale per la Via Francavilla, dove si incontrano vasi abbandonati e usati come cestini per l’immondizia. Inoltre gli alberi che dovevano servire per abbellire la principale arteria di questo territorio e che sono stati al centro di una polemica, sembrano una “giungla”, pieni di erbacce e con le buche per la messa in opera ancora aperte e di conseguenza pericolose per chiunque. C’è, quindi, una problematica di decoro e arredo urbano ma anche e soprattutto l’urgenza di provvedere alla necessaria tutela della pubblica incolumità. Sono tante le cose che non vanno a Trappitello, alcune delle quali si commentano da sole e che meriterebbero ben altra attenzione a garanzia di una vivibilità migliore per i cittadini di Trappitello”.

© Riproduzione Riservata

Commenti