il plesso scolastico di Santa Filomena

Il Comune di Taormina ha disposto, con apposita ordinanza sindacale, la chiusura del primo piano del plesso scolastico di contrada Santa Filomena a Trappitello “a salvaguardia della pubblica e privata incolumità”. La decisione è scaturita dall’esito di un sopralluogo effettuato dall’Ufficio Tecnico di Palazzo dei Giurati, sovrinteso dall’ing. Massimo Puglisi. E a questo punto i tempi saranno, per forza di cose, lunghi per andare a verificare l’entità esatta del danno a cui rimediare, dovrà essere elaborato il progetto per i lavori con particolare riferimento al tetto da rifare, che andrà posto all’attenzione degli enti preposti per il relativo nulla osta. Gli ambienti dichiarati ora inagibili potranno tornare disponibili soltanto dopo i lavori, e quindi in ogni caso non prima del nuovo anno.

La relazione. Una relazione del 2 ottobre scorso da parte dell’Utc afferma che “da una attenta verifica, interna ed esterna, del solaio di copertura, è emerso che in tutte le stanze del piano primo della scuola elementare di via Santa Filomena, nella frazione Trappitello del comune di Taormina, si evidenziano dei segnali (micro fessure e rumori sordi) nel solaio di copertura, che fanno presagire il distacco di intonaco e dei laterizi, dovuto presumibilmente a infiltrazione di acqua piovana del terrazzo di copertura”.

Chiusura immediata. Nella stessa relazione si evidenzia che “a salvaguardia della pubblica e privata incolumità, al fine di evitare rischi dovuti alla caduta di calcinacci e frantumi di laterizi, si rende necessario provvedere alla chiusura immediata di tutto il primo piano della scuola”. Il Comune rileva inoltre che “nei prossimi giorni sono previste piogge autunnali anche di forte intensità e che anche nelle settimane prossime questa situazione meteorologica si riproporrà, rendendo più probabile il rischio paventato nella relazione”.

Eliminare il pericolo. Da qui la necessità di programmare un intervento per la eliminazione del pericolo e di eseguire lavori idonei a rimuovere ogni criticità, chiudendo nel frattempo l’area considerata a possibile rischio. Il sindaco Mario Bolognari, con apposita ordinanza, ha disposto “La chiusura immediata delle aule poste al primo piano del plesso della scuola elementare di via Santa Filomena fino all’ultimazione dei lavori che saranno effettuati sul solaio di copertura della stessa” e “di trasferire gli arredi e le attrezzature delle quattro aule di che trattasi presso altri ambienti idonei individuati dalla dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo 1, entro il giorno 7 ottobre 2019, consentendo così la ripresa dell’attività didattica”.

Trasferimento in Via Francavilla. La decisione del Comune intende, in sostanza, prevenire qualsiasi rischio, a seguito del crollo di calcinacci dal soffitto che si era verificato in una stanza del plesso, che ospita le prime due classi della Elementare dell’Istituto comprensivo, il 9 agosto scorso. Di conseguenza gli studenti sono stati evacuati già mercoledì mattina e fatti uscire, a scopo precauzionale, dall’edificio. Lunedì mattina le classi al momento evacuate da “Santa Filomena” faranno lezione nell’altro plesso ubicato a Trappitello, in Via Francavilla, dove saranno approntati degli spazi con quattro aule per far proseguire le lezioni ai bambini. Nel frattempo la Giunta predisporrà con l’Utc lo stanziamento delle somme per i lavori necessari a rendere nuovamente fruibile in sicurezza l’area ora indisponibile.

© Riproduzione Riservata

Commenti