Danilo Bevacqua, presidente del Consiglio comunale di Giardini

Via libera del Consiglio comunale di Giardini al bilancio di previsione 2019. Al termine di un lungo confronto in aula, l’assemblea di Palazzo dei Naxioti ha esitato il documento di programmazione finanziaria con il voto favorevole di 8 consiglieri, 4 astenuti e 1 voto contrario. Hanno detto sì alla proposta di delibera il presidente dell’assemblea, Danilo Bevacqua, Salvatore Galofaro, Giancarlo Lo Turco, Sonia Licciardello, Mario Amoroso, Antonio Donzì, Martina D’Angelo, Rosa Pietrocitto. Hanno invece scelto di astenersi Carmelo Cingari, Mario Sapia, Antonella Arcidiacono, Claudio Patinella, contraria invece Valentina Sofia.

Comune in riequilibrio. “Il nostro Comune è ancora in fase di riequilibrio e dunque si tratta di un documento economico che si inquadra nell’ottica della necessità di portare avanti il percorso di risanamento dei conti dell’ente – spiega il presidente Bevacqua -, che è un atto dovuto ai nostri concittadini e alle future generazioni. In questo contesto è stata data priorità all’esigenza di garantire i servizi essenziali per la comunità, garantire i servizi per le scuole. Ma ci sono anche risorse comprensive di aspetti altrettanti importanti come la viabilità e la sicurezza stradale”.

I precari. “La delibera è arrivata in aula ed è stata quindi votata con qualche ritardo scaturito, tuttavia, non da problemi politici ma per cause tecniche legate all’approvazione della delibera per la stabilizzazione del personale precario, nei confronti del quale l’Amministrazione comunale ha giustamente preso l’impegno per la stabilizzazione di questa unità lavorative. Ciò ha comportato, alla fine, un ritardo di circa 3 mesi per il rilascio del parere da parte dei revisori alla proposta di delibera”, rimarca il presidente del Civico consesso.

Gli emendamenti. “Sono stati esitati – aggiunge Bevacqua – alcuni emendamenti che in particolare riguardano la scuola per l’acquisto di nuovi arredi scolastici (banchi e sedie), e per la segnaletica di sicurezza delle aree dove sono ubicati i plessi scolastici. C’è inoltre la sistemazione del tetto del plesso Abate Cacciola, scuola elementare del centro, dove è stato interdetto all’utilizzo un piano. E c’è poi in previsione anche la sistemazione di un immobile importante come il CineTeatro Anselmi, per il quale il Comune ha inteso partecipare ad un bando di finanziamento regionale”.

© Riproduzione Riservata

Commenti