la missione del Ccpm in Tanzania

I medici del Ccpm di Taormina in Tanzania per una nuova missione umanitaria all’estero, per salvare piccole vite di bambini nei territori africani dove non ci sono mezzi per curarli. Nell’occasione ad affiancare l’equipe della Cardiochirurgia pediatrica dell’ospedale di Taormina, in Tanzania c’è anche il prof. Evan Zahn del Cedar-Sinai di Los Angeles, luminare della cardiologia pediatrica e dunque uno dei più noti e stimati professionisti internazionali nel trattamento delle patologie cardiache riguardanti i bambini.

Buon senso e rapidità. La missione, iniziata con la partenza avvenuta venerdì scorso, impegnerà il personale volontario del Bambino Gesù di Roma e del Cccpm di Taormina sino al 27 Settembre. “Siamo arrivati in Tanzania. Abbiamo già visto i primi pazienti. Siamo pronti per cominciare”, fa sapere il dott. Sasha Agati, primario del Ccpm che guida questa nuova missione degli “angeli del cuore” in terra africana. “In queste missioni non serve l’esperienza, c’è bisogno di buon senso e rapidità d’azione”, ha evidenziato Agati, che insieme all’equipe di Taormina sta cercando di dare un futuro migliore ai bambini afflitti da patologie cardiache.

Le prossime missioni. Nel 2020 ci saranno comunque ulteriori attività umanitarie altrettanto importanti ed impegnative ed, in tal senso, è stata già raggiunta un’intesa dal Ccpm con l’Ambasciatore del Burundi in Italia, Jean Bosco Ndinduruvugo per dare vita, nell’ambito delle attività del centro specialistico di Taormina, ad un progetto per Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica insieme con l’Associazione Matumaini-Speranza. Anche in questo caso, quindi, potrebbe esserci una missione a Gitega, la capitale del Burundi, situata nel Burundi centrale ad est di Bujumbur, dove si pensa di andare ad effettuare uno screening dei bimbi burundesi.

© Riproduzione Riservata

Commenti