Giorgia Meloni

“I sondaggisti ci davano al 2%, oggi siamo invece all’8%, siamo il quarto partito nazionale e secondo del centrodestra e cresceremo ancora. Con grande sacrificio, ma anche grande orgoglio, posso dire che questo partito s’è ritagliato uno spazio importante nella politica e nella società italiana. Ci dicono che siamo pericolosi e sovversivi ma se questo significa difendere Dio, patria e famiglia allora sì, saremo sovversivi a difesa di questi valori fondamentali”. Lo ha detto Giorgia Meloni nel suo discorso finale ad Atreju.

Lotta per la sovranità. Immancabile l’attacco al governo: “Il governo del ribaltone di palazzo nasce a Strasburgo – ha aggiunto dal palco -. Lì daremo la più grande battaglia per la sovranità italiana. Non vogliamo maggiordomi ma orgogliosi rappresentanti del popolo italiano”. E ancora: “La buona notizia è che questi non dureranno” ha assicurato Meloni, bollando il Conte bis come “governo di abusivi”. Fdi farà “un’opposizione dura senza sconti” alla maggioranza giallorossa, in Parlamento e in piazza.

Il centrodestra. E sul centrodestra Meloni ha detto: “Serve un patto anti inciucio, basta ambiguità” ha detto ancora la leader di Fdi, riferendosi a Forza Italia e chiedendo che presto il partito del Cav “chiarisca” la sua linea politica. Spero che quanto prima forza Italia chiarisca presto il suo posizionamento, perché vogliamo un centrodestra senza poligamie. Vogliamo un’alleanza diversa. Senza poligamie e ambiguità. Siamo aperti ad alleanze credibili”.

© Riproduzione Riservata

Commenti