Mirella Vinci

Via libera della Soprintendenza di Messina alla demolizione dell’ex mattatoio di Taormina. Gli uffici di Viale Boccetta hanno trasmesso, infatti, l’autorizzazione paesaggistica al progetto di riqualificazione e messa in sicurezza dell’area dell’ex mattatoio di Via dietro Cappuccini. L’intervento prospettato dal Comune di Taormina, con relativa istanza alla quale hanno dato parere favorevole le Belle Arti, concerne il fabbricato comunale che versa in condizioni di totale fatiscenza, degrado e abbandono da ormai oltre 30 anni.

La svolta. Da parecchio tempo si attendeva, quindi, una svolta che adesso è ufficiale attraverso il parere acquisito a Palazzo dei Giurati il 20 settembre scorso. Il vicesindaco Enzo Scibilia aveva preannunciato nei giorni scorsi l’imminente emissione del parere da parte della Soprintendenza che è stato ora trasmesso con atto a firma della soprintendente, l’arch. Mirella Vinci e dei responsabili dell’Unità Operativa 3 e 4, arch. Antonino Spanò Greco e arch. Giuseppe Natoli.

Il parere. “L’intervento – si legge nel parere – consiste nella demolizione dell’immobile al fine di ricavare un’area di pertinenza, asseverandola a via di fuga dell’Istituto Comprensivo 1 “Ugo Foscolo”. Per quanto di propria competenza, dunque, la Soprintendenza, ha dato l’autorizzazione paesaggistica, e si tratta del passaggio procedurale che mancava per poter finalmente demolire il vecchio mattatoio e liberare la zona. A questo punto potranno essere effettuate in tempi brevi le opere che il Comune ha previsto per buttare giù l’immobile e il via ai lavori, secondo le intenzioni della Giunta, è già atteso per la prima decade di ottobre.

Ora la demolizione. Si potrà in questo modo rimuovere una struttura che non serve più a nulla, dalla quale spesso scaturiva l’emergenza ratti che affliggeva la vicina scuola media e che ha perciò richiesto, a più riprese, delle attività urgenti di derattizzazione e disinfestazione. Ed inoltre, liberando l’area dove oggi si trova l’ex mattatoio, avranno un punto utile dove poter fare manovra i mezzi dello scuola bus Asm, con gli autisti oggi costretti a muoversi in una strada a dir poco stretta. Non appena sarà stato demolito il vecchio edificio, quell’area inoltre potrà diventare punto di riferimento per il piano comunale di Protezione Civile, che individua proprio quello slargo, e quindi piazza Cacciola, come area di raduno in caso di emergenze in un zona dove risiedono tanti cittadini.

La destinazione dell’area. “Quell’area – ha reso noto il vicesindaco Scibilia – potrà essere utilizzata nei mesi invernali dalla scuola, anche come parcheggio per gli insegnanti, per liberare la Via dietro Cappuccini, e allo stesso modo in altri periodi come la stagione estiva anche dai residenti. Nel tratto adiacente al muro verranno posizionati dei dissuasori per dare maggiore sicurezza ai pedoni. Avremo una nuova viabilità in un’area che da anni soffre anche per la presenza di quel vecchio edificio”.

© Riproduzione Riservata

Commenti