Debora Serracchiani

“Renzi non mi ha chiamato. Non ci sentiamo già da un po’, abbiamo smesso di camminare sullo stesso sentiero politico. Non lo avrei comunque seguito. Ho contribuito a far nascere il Pd pensando di aver costruito un tram da cui scendere quando non avessi trovato posto a sedere. Ho chiesto a molti le ragioni politiche della loro scelta di “scendere” dal tram: non ne ho compresa logicamente neanche una”. Così l’esponente del Partito Democratico, Debora Serracchiani in una intervista rilasciata a Vanity Fair commenta la scissione tra Renzi e i dem e la sua scelta di non seguirlo.

L’obiettivo di Renzi. “Renzi vuole sempre essere il numero uno. Vuole essere quello che va alle consultazioni, mica quello che si fa raccontare dagli altri com’è andata. Nei prossimi mesi immagino che Matteo sarà particolarmente presente su tv, giornali e social. Ci terrà a marcare il territorio ogni volta, su temi come taglio delle tasse o immigrazione. Mi auguro che non crei fibrillazioni a un Governo che ha bisogno di lavorare in tranquillità”, evidenzia Serracchiani.

© Riproduzione Riservata

Commenti