La consigliera comunale del Partito Democratico, Graziella Longo
la consigliera comunale Graziella Longo

E’ in arrivo il quinto assessore a Palazzo dei Giurati. La Giunta del sindaco Mario Bolognari di cui fanno parte gli attuali assessori Enzo Scibilia, Francesca Gullotta, Alfredo Ferraro e Andrea Carpita, potrebbe, infatti, accogliere da qui a breve un nuovo esponente nella squadra di governo. Il dibatto politico all’interno della maggioranza è stato avviato e nelle scorse ore c’è stata una riunione tra i gruppi dell’aggregazione per fare il punto della situazione e arrivare ad un’intesa. Sul tavolo sono state avanzate alcune proposte e sono stati fatti alcuni nomi di “papabili” assessori.

L’ok della Regione. A suffragare la possibilità di nominare il quinto assessore è la norma approvata qualche tempo fa dalla Regione Siciliana che prevede la possibilità per gli Enti locali di stabilire liberamente il numero di assessori entro i limiti previsti dalla legge che per i Comuni come Taormina è di massimo cinque.

Gruppo D’Agostino. Il gruppo politico che fa riferimento a Mario D’Agostino ha proposto una rosa di nomi, con in particolare l’ipotesi di Alfio Auteri, ex presidente della Fondazione Mazzullo. Su questo fronte la richiesta è quella di avere l’assessorato alla luce del risultato politico conseguito nel 2018 dalla componente che ha espresso poi l’indicazione di Lucia Gaberscek alla presidente del Consiglio comunale.

L’avvocato in Giunta. Ma al momento ad avere maggiori chance sarebbe invece Graziella Longo, esponente taorminese del Partito Democratico e consigliere comunale dell’Amministrazione Bolognari. L’avvocato Graziella Longo è la figlia del 96 enne prof. Eugenio Longo, stimato ex sindaco della città che rappresenta un pezzo di storia di Taormina e ha guidato la Perla dello Ionio negli anni d’oro.

Gruppo Caltabiano. Bisognerà comunque anche aspettare le valutazioni che farà il gruppo Caltabiano, che fa riferimento alla vicepresidente del Consiglio, Alessandra Caltabiano, anche lei da tempo al centro di rumors sul quinto assessorato. Quest’ultimo gruppo aveva espresso ad inizio legislatura la nomina ad assessore di Giuseppe Caltabiano, che ha poi rassegnato le dimissioni lo scorso marzo. “C’è bisogno di nominare il quinto assessore, dobbiamo liberare il sindaco dalla gestione di alcune deleghe, che vanno ridistribuite”, è il monito lanciato già da tempo proprio dal gruppo Caltabiano.

Le new entry in Consiglio. Nella scelta del quinto assessore si punta, in ogni caso, a far scorrere la lista che ha vinto le elezioni comunali 2018, liberando cioè altri due posti in Consiglio comunale per i non eletti. Il vertice di martedì sera è stato accompagnato anche da un fitto giro di telefonate per sbloccare anche queste posizioni e quindi consentire l’ingresso in Consiglio dei non eletti Ruggero Lombardo e Piero Benigni. Al momento sono ancora in Consiglio, con doppio ruolo, i due assessori Enzo Scibilia e Andrea Carpita, ai quali verrebbe chiesto di far spazio agli altri componenti della lista.

© Riproduzione Riservata

Commenti