code veicolari sulla SS114 a Giardini

“Sulla questione della SS114 si continua a scherzare con il fuoco. Certamente non saranno le solite dichiarazioni dei sindaci e dei vari amministratori a risolvere il problema”. Il monito arriva dal dott. Francesco D’Arrigo, attuale fiduciario della (Federazione Italiana Medici Medicina Generale) per il Distretto di Taormina. L’ex presidente del Consiglio comunale di Giardini, ed ex assessore alla Viabilità, torna sul caso e definisce “sconcertante eppure ormai normale” l’episodio dell’ambulanza del 118 rimasta bloccata per 25 minuti di recente nella strada statale di Giardini Naxos.

“La solita protesta”. “Le ambulanze restano bloccate ed è diventata praticamente una cosa normale, ci si indigna con qualche dichiarazioni sui giornali e poi cosa cambia? La protesta dei sindaci e degli amministratori dei Comuni si ferma lì, non va oltre. Il problema non si risolve con le dichiarazioni di facciata, oltre quelle non si non va mai e non entrano a fondo nel problema si entra a fondo nel problema. Si sta rischiando grosso e il pericolo è davvero quello che prima o poi qualche ambulanza rimanga bloccata mentre a bordo ci sarà un paziente che lotta per la vita e che ha bisogno di essere trasportato con la massima urgenza. Questo lo si è compreso o no?”.

Convinzione e chiarezza. “Si ravvisa una incapacità generale ad affrontare il problema e a tentare realmente di risolverlo. Assistiamo a delle dichiarazioni che non fanno emergere quella necessaria convinzione e la necessaria chiarezza che occorre per risolvere l’emergenza”, continua D’Arrigo. “Avevo proposto allora da assessore del Comune di Giardini la soluzione per liberare la strada da Via Umberto a Via Vittorio Emanuele e sino al passaggio a livello ma non mettere in pratica quell’iniziativa è la dimostrazione che non c’è l’effettiva volontà di porre rimedio alla questione”, continua il responsabile della FIMMG. “E per giunta – conclude D’Arrigo – ora si ricomincia anche a tirare fuori di nuovo la storia della strada a monte Taormina-Giardini-Trappitello, della quale si parla da 30 anni senza che ci siano mai stati sviluppi concreti”.

Regolamento non applicato. Il fiduciario della Federazione Italiana Medici Medicina Generale per il Distretto di Taormina, in sostanza, ribadisce che per risolvere l’emergenza della SS114 che paralizza la viabilità di Giardini e del comprensorio e che mette in difficoltà i mezzi di soccorso, servirebbe “un regolamento carico e scarico merci, che venne approvato dal Consiglio comunale nel 2014, e che non tutti sanno che è vigente ma non operante”. “In quel regolamento – sostiene D’Arrigo – sono previsti nelle arterie principali di Giardini, ogni 200 metri una serie di aree di sosta, molto grandi, per permettere solo in determinate ore il carico e scarico merci, mentre nella maggior parte del giorno tali spazi devono essere lasciati liberi ed essere utilizzati come spazi di fuga per la sosta momentanea di grandi mezzi (autobus, camion, etc) per fare defluire il traffico veicolare qualora un mezzo di emergenza sia bloccato nel traffico. Se venisse applicato quel regolamento ci sarebbero spazi enormi per lasciare libero il transito”.

© Riproduzione Riservata

Commenti