“La musica che integra il molteplice”, è il titolo e tema di un concerto svoltosi nelle scorse ore nella Cattedrale di Taormina. L’evento è stato organizzato dall’IOS Musco di Catania, guidato dalla dirigente dott.ssa Cristina Cascio, congiuntamente all’Associazione Mousikè di Taormina, presieduta dalla prof.ssa Maria Intelisano. Nell’occasione gli studenti del Liceo musicale Musco di Catania si sono esibiti in un apprezzato concerto pubblico a conclusione di un percorso di Alternanza scuola-lavoro che ha permesso loro di consolidare le conoscenze acquisite a scuola attraverso l’esperienza pratica direttamente sul campo.

Condivisione. L’Associazione Mousikè, che ha già al suo attivo importanti collaborazioni con Enti Pubblici ed Istituzioni Scolastiche, ha inteso promuovere anche in questo caso attività educative finalizzate alla valorizzazione della musica come esperienza di condivisione e di apprendimento. Dal canto suo, la dirigenza dell’IOS Musco di Catania ha sempre sostenuto la promozione all’esterno delle attività interne all’Istituto affinché l’arte tutta venga vista dagli studenti e dalle famiglie come un arricchimento e un contatto con mondi apparentemente distanti. Nel concerto, che ha visto la brillante partecipazione dell’Orchestra Mandolinistica Gioviale di Taormina, gli studenti si sono mossi come esploratori di nuovi territori musicali: tutto l’organico orchestrale composto da chitarre, flauti, clarinetti e percussioni, insieme alle voci soliste e ai mandolini, hanno immerso l’ascoltatore in un viaggio sonoro di grande impatto. La musica è un linguaggio universale, un mezzo attraverso cui è possibile compiere un immaginario viaggio nel tempo al fine di scoprire tradizioni musicali diverse che riescono a mescolarsi a qualsiasi latitudine. Ma la Musica è anche studio, ricerca, impegno e lo ha confermato in questo evento.

Il concerto. In apertura è stato eseguito il celeberrimo Intermezzo (da Cavalleria Rusticana) di Pietro Mascagni: a seguire un excursus sonoro che ha spaziato dalle colonne sonore (Comptined’apres midi e Valzer dal film “Amelie”) ai brani di Astor Piazzolla legati alla tradizione musicale argentina (Adios Nonino ed Oblivion), a musiche caratterizzate da un forte tecnicismo (Danza Ungherese n. 5 di Johannes Brahms) o da strutture classiche rivisitate in chiave moderna (Palladio di Karl Jenkins), fino poi ad arrivare a pezzi moderni quali Portami via, Di sole e d’azzurro; a conclusione, il brano La vita è bella di Nicola Piovani e Mokarta dei Kunsertu, eseguito quest’ultimo soltanto dai ragazzi del Liceo musicale Musco di Catania. La scelta dei brani musicali da eseguire in concerto è stata a cura dei ragazzi stessi che hanno voluto esprimere anche i loro gusti musicali personali per dar forma ad un concerto originale, fatto di commistione tra passato e presente, che non si chiude in uno stile specifico ma che si spinge avanti nell’esplorazione sonora. Nel corso della serata si è, inoltre, esibita Chiara Cundari, come omaggio della scuola di danza “Associazione Studio Dance Continuum” di Taormina, perché il Liceo “Musco” oltre ad essere musicale ed artistico è anche un liceo coreutico (l’unico autorizzato nelle province di Messina e Catania). Gli arrangiamenti composti dal maestro Alessandro Russo per l’Orchestra Mandolinistica Gioviale, sono stati interamente ampliati per questa formazione ed orchestrati dal prof. Daniele Zappalà.

L’iniziativa. Il programma di Alternanza Scuola Lavoro è stato curato dai Docenti Joanna Moschella, Mario Zito,Gabriele Cairone, Giuseppe Stancanelli, Luigi Caporarello, congiuntamente alla prof.ssa Maria Intelisano, alla quale è stata affidata la direzione orchestrale, con il supporto dell’Orchestra mandolinistica Gioviale di Taormina.

Collaborazione. Il Concerto, presentato dalla Prof.ssa Angela Vecchio e svoltosi all’interno della Basilica Cattedrale di Taormina, per gentile concessione per Parroco Mons. Carmelo Lupò, è stato patrocinato dal Ministero della Pubblica Istruzione e dal Comune di Taormina. Il numeroso pubblico presente ha tribunato con lunghi applausi il proprio gradimento ad un evento musicale che è soltanto il preludio della collaborazione reciproca tra l’IOS Musco di Catania e l’Associazione Mousikè di Taormina.

© Riproduzione Riservata

Commenti