le Naumachie di Taormina

La vicenda è decisamente strana, rasenta il paradosso eppure una strana tendenza si sarebbe diffusa tra i turisti asiatici a Taormina, che a quanto pare in alcuni casi sparano ad aria compressa su uno dei monumenti più belli della città. E’ un’indagine decisamente diversa dalle altre quella avviata dalla Polizia locale di Taormina per cercare di accertare la fondatezza di quanto viene segnalato da alcuni residenti ma soprattutto il senso dei fatti indicati.

La segnalazione. Pare proprio che in più di un’occasione sarebbero stati notati dei turisti cinesi che arrivando alle antiche Naumachie di Taormina non si limiterebbero a visitare l’antica costruzione d’epoca romana ma sarebbero intenti a fare anche altro: per l’esattezza, in sostanza, verrebbero da loro sparati dei colpi con delle pistole a piombini contro il muro della Naumachia.

La storia. La cosiddetta Naumachia è una grande costruzione formata da un muro in mattoni, lungo 122 metri e alto 5. Fu realizzata in epoca romana e più precisamente nel II sec. d.C. Il nome Naumachia significa letteralmente “battaglia navale”.

turisti cinesi alle Naumachie

L’ipotesi. Forse questo passato evoca in qualche modo l’inusuale abitudine che avrebbero preso questi turisti. Una volta si credeva che il monumento fosse un circo acquatico, realizzato dai romani per le rappresentazioni di battaglie navali. O magari qualcuno potrebbe aver raccontato ed enfatizzato (in modo decisamente inopportuno) ai turisti asiatici anche qualche altra storia del genere.

Monumento a rischio. Fatto sta che oltre la singolarità del gesto si rischia soprattutto di arrecare un danno alla Naumachia, nel momento in cui i piombini vengono sparati contro il muro del sito archeologico. Qualche anno fa il muro è stato danneggiato da alcune scritte vandaliche e si è reso poi necessario farlo ripulire con un apposito trattamento a cura delle Belle Arti. Adesso spunta questa nuova tendenza al momento incomprensibile.

© Riproduzione Riservata

Commenti