Xi Jinping nel suo viaggio in Sicilia

Nel 2018 le esportazioni siciliane verso la Cina sono cresciute del 46,1%. Merito dell’incremento notevole della farmaceutica e della chimica ma anche di alimentari e bevande (+29,5%). In particolare, nel 2018 la Sicilia ha esportato prodotti alimentari e bevande verso la Cina per 16,7 milioni di euro (contro i 12,9 dell’anno precedente) e ne ha importato 8,1 milioni (erano 9,4 nel 2017).

Le prospettive per il turismo. Le dinamiche dell’import-export di carattere alimentare si intrecciano, evidentemente, anche con le prospettive non soltanto in termini commerciali ma anche di turismo e ricettività, con la Sicilia che appare sempre più tra le mete ambite dai cinesi che intendono fare un viaggio in Europa. E in questo contesto ad osservare con attenzione gli sviluppi della situazione c’è Taormina, la capitale del turismo siciliano dove in primavera è stato ambientato e girato il reality show “Chinese Restaurant”, che può vantare una platea di circa 25 milioni di telespettatori in Cina.

Rapporto annuale. Nello specifico, a tracciare il quadro dei rapporti tra la Sicilia e la Cina è stata a Palermo, la Fondazione Italia-Cina in occasione della presentazione del X Rapporto annuale “Cina. Scenari e prospettive per le imprese”, organizzata in collaborazione con Sicindustria, partner di Enterprise Europe Network, e con il supporto di Nctm e di Sace-Simest. La notizia viene riportata in un approfondimento sul tema pubblicato da Travelnostop, il portale nazionale del turismo che evidenzia come la Sicilia sia entrata nel cuore dei cinesi è un approfondimento sul tema,

Il circuito e l’intesa. “Grazie all’incremento dei viaggi all’estero e al crescente desiderio per i prodotti alimentari occidentali – ha detto Giuseppe Cassarà, presidente di Federturismo Sicindustria – la Cina presenta ancora moltissime opportunità per le nostre aziende dell’agroalimentare. Ma non solo. La Cina è infatti anche il più grande mercato del turismo sia in termini di spesa che di numero di viaggi verso l’estero e ormai dal 2012 guida la classifica come top-spender per il turismo internazionale. La Sicilia si sta inserendo sempre più in questo circuito e proprio per sfruttare l’enorme potenziale dell’Isola e attirare più visitatori cinesi Sicindustria il mese scorso ha firmato un protocollo di collaborazione con Ctrip, la più grande agenzia di viaggi online dell’Asia con 300 milioni di utenti registrati”.

Qualità. “La Cina – ha spiegato Marco Bettin, direttore operativo della Fondazione Italia Cina – si trova in una nuova fase della propria economia, caratterizzata da un tasso di crescita più lento, che la porterà ad essere un’economia avanzata e basata in particolare su consumi, servizi e innovazione e dove l’elemento cardine è rappresentato dalla necessità di sostituire la quantità con la qualità. Una seconda linea di tendenza ruota intorno alla sempre maggiore importanza dei consumi, al fine di sostenere la crescita economica del Paese in futuro, ed è per questo che sono sempre più incentivati”.

© Riproduzione Riservata

Commenti