Gianluigi Paragone

“Avete riportato Bruxelles a casa: il Pd è nemico del popolo. E’ la garanzia italiana del fanatismo europeo e del globalismo”. Così Gianluigi Paragone, esponente del Movimento Cinque Stelle, ha motivato la sua scelta di astenersi sul voto di fiducia al governo e dunque di non sostenere l’Esecutivo che vede ora alleati il M5S con il Partito Democratico.

Ipnosi grillina. “Da sovranisti si diventa euristi ma l’Eurozona non migliorerà se non si ripensa la politica monetaria e se non si costituisce un’agenzia di rating europeo. La flessibilità di oggi è solo morfina. Mi sono astenuto solo per rispetto di chi ha agito in una ipnosi in buona fede. Io resto nella trincea delle parole guerriere contro il fanatismo neoliberista di questa Unione Europea”, avverte Paragone.

© Riproduzione Riservata

Commenti