Matteo Salvini (foto adnkronos)

“Conte diceva che sarebbe tornato alla sua professione e invece si è inchiodato alla poltrona come le vecchie mummie della Prima Repubblica”. Così Matteo Salvini conferma che il suo bersaglio politico dai banchi dell’opposizione sarà soprattutto il premier Giuseppe Conte, ieri primo ministro del governo M5S-Lega e adesso di nuovo in carica con l’Esecutivo M5S-PD.

Aristotele. “Chiamerò i miei figli, visto che giovedì inizia la scuola e parlerò con loro a testa alta, con una poltrona in meno e tanta dignità in più. La dignità non consiste nel possedere oneri ma nella coscienza di meritarli, diceva Aristotele. Milioni di italiani sanno cos’è questa operazione che state facendo. Può essere la poltrona più importante del mondo ma io non potrei occuparla nemmeno per un quarto d’ora”.

La promessa. “Se pensano di fermarci si sbagliano di grosso: noi andiamo avanti più spediti che mai e piazza dopo piazza, città dopo città, regione dopo regione, vinceremo noi”, avverte Salvini.

© Riproduzione Riservata

Commenti