Nicola Zinzgaretti e Luigi Di Maio

“Inizialmente ero uno dei più scettici su questa alleanza con il Partito Democratico. E avevo parlato di andare al voto. Quando mi sono seduto al tavolo col Pd e ho parlato del referendum sull’acqua pubblica, dicendo che andava fatta una legge, mi ha stupito positivamente che fossero d’accordo. Siamo d’accordo anche sul salario minimo e sulla rivoluzione ambientale dell’Italia”. Così Luigi Di Maio, capo politico del M5S, commenta l’intesa raggiunta con il Partito Democratico per la nascita del nuovo governo, che nelle scorse ore ha incassato la fiducia della Camera e del Senato.

Il nuovo percorso. “Quindi, per come la vedo io, restando né di destra, né di sinistra, può iniziare un nuovo percorso in questi tre anni per fare delle cose per gli italiani – continua Di Maio -. Faremo le cose giuste che vanno fatte per il Paese e nell’interesse dei cittadini. C’è un programma concordato e sottoscritto tra le due forze politiche e a questa iniziativa hanno detto sì gli iscritti con il voto sulla Piattaforma Rousseau che ha avuto un risultato straordinario di partecipazione”.

© Riproduzione Riservata

Commenti