Giorgia Meloni

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, non risparmia dure critiche al nuovo governo e conferma l’appello ai sostenitori del suo partito a scendere in piazza: “Questo governo non è confacente con la parola democrazia. Non sono per i patti diversi da quello che si stabilisce in campagna elettorale. La democrazia significa anche che chi vince porta avanti poi le sue politiche e la maggioranza degli italiani non vuole che proseguano i flussi di immigrati clandestini, invece questo governo vedrete che ci riporterà ai livelli di Renzi, Gentiloni e Alfano”.

La manifestazione. Lunedì, in piazza Montecitorio, a Roma nel giorno in cui si voterà la fiducia al governo, ci sarà una manifestazione organizzata da Fratelli d’Italia a cui ha aderito anche la Lega. “Sarà una manifestazione – afferma Meloni – senza bandiere di partito in cui daremo voce a milioni di italiani che la pensano come me non soltanto perché sono di centrodestra, ma invitiamo anche quelli che hanno votato il Partito Democratico per combattere i Cinque Stelle, e quelli dei Cinque Stelle che hanno votato per combattere il Partito Democratico. Le decisioni non possono passare sulla testa dei cittadini, devono decidere i cittadini chi deve governarli. La democrazia deve tornare ad essere una cosa seria in Italia, non è ammissibile che i cittadini non debbano contare niente”.

La polemica con Forza Italia. In piazza non ci sarà Forza Italia che ritiene “un errore madornale” la scelta di Fratelli d’Italia di organizzare la manifestazione di lunedì e Meloni risponde: “Stanno sempre a fare polemica con noi, dicono che bisogna far sentire la voce della protesta in Parlamento ma lì io farò comunque il mio intervento. E’ giusto coinvolgere la gente e gli italiani ai quali viene tolto il diritto di votare e scegliere chi deve governarli”.

“Il furto”. “Se tu sai che gli italiani al governo vorrebbero qualcun altro, e tu ci stai lo stesso, e pur di starci ti metti assieme a quelli contro cui avevi giurato di batterti, questo si chiama furto – attacca Meloni – e non ha niente di diverso da chi entra nelle case col passamontagna a rubare l’argenteria perché non vuole guadagnare soldi in modo onesto”.

La “scatoletta”. Poi l’ennesima bordata ai grillini: “che prometteva di ‘aprire il parlamento come una scatoletta di tonno’ – cita, accompagnata dal pubblico – e invece è diventato il tonno dentro la scatoletta che non vuole più uscire dal palazzo. E dicevano che ‘Renzi ci fa schifo, che la Boschi ci fa schifo’, ma poi alla fine gli fa più schifo il pensiero di dover andare a lavorare”. “E a chi osa far notare che c’è qualcosa che non va – prosegue – dicono che è un’analfabeta costituzionale, perché ci fanno credere che la Costituzione lo permetta. Eppure, all’articolo 1, che non a caso è appunto il primo, la Costituzione dice che la sovranità appartiene al popolo. Un popolo che è stato privato della sua libertà di voto. E l’articolo 54, dice che se tu rappresenti lo Stato, lo devi fare con onore. E non c’è nessun onore nel tradimento”.

Disegno anti-sovranista. L’appello della leader FdI dopo il giuramento del governo Conte bis, è quello di “Non pensare che sia inutile scendere in piazza in momenti come questo: se consentite che tutto questo accada sotto silenzio, senza che la vostra rabbia si faccia sentire, beh, poi non vi lamentate. Non vi lamentate del governo che aprirà tutti i porti, che aumenterà le tasse, metterà la patrimoniale, e vi porterà in ginocchio verso quell’Europa che in questo momento sta festeggiando. C’è un disegno contro di noi, e dentro questo disegno c’è gente che si è venduta e schierata dall’altra parte”.

Lo spread. “Vi siete accorti che lo spread è improvvisamente dimagrito, in un mese senza governo? – rincara la Meloni –. È perché è stato usato come una clava contro i governi che non si asservivano, da quelli asserviti. E io lunedì a Roma sogno una folla oceanica, in piazza, di italiani che vengano a dire ’no’, e che un giorno li manderemo a casa, perché sogniamo una nazione come le altre, visto che non ci manca niente”.

© Riproduzione Riservata

Commenti