l'equipe medica del Ccpm Taormina

Avviato un programma di Cardiochirurgia permanente per i congeniti adulti al Ccpm Taormina. Lo annuncia il centro di Cardiochirurgia pediatrica del Mediterraneo di Taormina che così intende dare una risposta migliore alle richieste di assistenza specialistica non soltanto ai bambini ma anche ai congeniti adulti afflitti da patologie del cuore che si trascinano sin da piccoli e sono proseguite anche in successiva età. Finalmente grazie all’arrivo del dott. Salvatore Giannico e la preziosa, continua e speciale, collaborazione del dott. Fiore Iorio, Direttore del Dipartimento Medico-Chirurgico delle Cardiopatie Congenite dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù’” di Roma, nonché pioniere mondiale nel campo della chirurgia delle cardiopatie congenite – evidenzia il Ccpm -, è stato possibile avviare un programma di cardiochirurgia permanente per i congeniti adulti”.

Una nuova frontiera. “Sono pazienti molto complessi, che hanno subito diverse procedure chirurgiche nella loro vita e che presentano complicanze specifiche e peculiari perché operati da neonati o da adolescenti” rimarca il Centro di Cardiochirurgia pediatrica che a Taormina ha sede presso l’ospedale San Vincenzo di contrada Sirina. Si apre così una nuova e ulteriore frontiera in termini stabili per le attività di cura e assistenza specialistica nel centro di Taormina. Di recente si è verificato un caso che era già stato operato al cuore ben tre volte e presentava un’anatomia particolarmente complessa e portatore di pace-maker. Il paziente – di nome Maurizio – adesso sta bene per la felicità della sua famiglia e di tutto il team del Ccpm”, fa sapere il centro specialistico diretto dal primario dott. Sasha Agati, che nell’occasione ha inteso ringraziare il dott. Iorio “per tutto quello che fa per i piccoli e grandi cardiopatici congeniti”.

Sasha Agati e Fiore Iorio

Verso la svolta. A Taormina si intensifica, dunque, l’attività portata avanti dai medici del Ccpm. Il tutto mentre si avvicina al bivio finale riguardante l’attesa stabilizzazione pluriennale nella località ionica del futuro del centro di contrada Sirina. La volontà dichiarata dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, che da 9 anni gestisce la struttura, è quella di arrivare ad una intesa con la Regione Siciliana e l’Asp Messina per proseguire l’impegno con il Ccpm all’ospedale San Vincenzo.

Nove anni di attività. Il Centro di Cardiochirurgia pediatrica è attivo a Taormina ormai dal 2010 e l’attuale convenzione in essere scadrà nel luglio 2020 ma la prospettiva all’orizzonte è quella di una prosecuzione (probabilmente di almeno 3 anni) della collaborazione che ha reso il Ccpm un centro di riferimento per la cura di patologie del cuore per tanti bambini provenienti da ogni parte della Sicilia e da altre regioni del Mezzogiorno, tenendo anche conto che in particolare almeno il 20% dei pazienti arriva a Taormina dalla Calabria.

© Riproduzione Riservata

Commenti