gli agenti della Polizia locale di Taormina

Il sindaco di Taormina, Mario Bolognari conferma ufficialmente che la Giunta comunale è pronta a chiedere una deroga al Ministero dell’Interno per fare nuove assunzioni nel Corpo di Polizia locale e poter così bypassare gli attuali vincoli del piano di riequilibrio che impediscono nuovi ingressi nell’organico dell’ente locale. “Abbiamo già predisposto il piano del fabbisogno concernente l’organico della Polizia locale, d’intesa con i sindacati, e sicuramente siamo intenzionati, non appena sarà stato approvato il bilancio 2019, a chiedere una deroga al Ministero per avere modo di ampliare al più presto l’organico attuale che non può più essere sufficiente ad affrontare le esigenze di una città turistica come Taormina”.

Obiettivo 2020. La necessità è quella di sbloccare la situazione anche perchè al pensionamento dell’ispettore Salvatore Zanni sta per fare seguito anche quello dell’ispettore Alfio Barca, e sta per trasferirsi a Messina inoltre il vicecomandante della Polizia locale, Daniele Lo Presti. E allora si va verso un’emergenza senza precedenti con l’organico della Polizia locale ridotto ben oltre i minimi storici. Per questo, in vista del 2020, il Comune di Taormina dovrà così tentare il tutto per tutto e ottenere il placet del Ministero dell’Interno a poter assumere e integrare nuove risorse umane alle pochissime rimaste in servizio.

© Riproduzione Riservata

Commenti