Carmelo Leonardi

Sono stati avviati il 26 agosto scorso dal Comune di Taormina alcuni interventi di ripulitura nelle frazioni ed in particolare nella zona di Bruderi, dove sono state effettuate delle opere di scerbatura nelle strade. Nella circostanza sono stati decespugliati alcuni tratti della popolosa frazione e gli interventi hanno già fatto discutere, dividendo i residenti tra chi ha accolto con soddisfazione le attività in questione e chi invece ha criticato la frequenza con cui si verificano queste opere.

La reazione. “Siamo di fronte ad una presa in giro – afferma l’ex consigliere comunale Carmelo Leonardi, presidente del Comitato dei cittadini di Bruderi -. Basterebbe dire che il Comune fa dei lavori soltanto in via delle Palme, non si sa bene per quale motivo. Quando il sottoscritto era consigliere comunale, insieme all’allora assessore Gaetano Carella, abbiamo fatto installare la segnaletica verticale, è stato rifatto l’asfalto lungo le strade della frazione, ed è stata apposta nelle vie la toponomastica che non c’era. Le strade prima si chiamavano qui traverse, ora esistono regolarmente le vie e di certo non per merito dell’attuale Giunta. Oggi ci sono 3 lampade fulminate in strade che non si sa quando e se verranno riparate e c’è una perdita di acqua in atto ormai da tre giorni. Mi hanno fermato per strada dei cittadini riferendomi di due persone cadute con lo scooter e finite in ospedale, e adesso è presumibile che questi malcapitati decidano di fare denuncia chiedendo un risarcimento danni al Comune”.

Il paragone. “La Giunta – conclude il prof. Leonardi – preferisce fare interventi in altre zone che per l’Amministrazione sono piu “strategiche”. ma ora ci si deve assumere le responsabilità del degrado che c’è a Bruderi e che non si può nascondere con qualche piccola scerbatura. Dopo un anno e due mesi l’Amministrazione in carica ha scoperto che esiste Bruderi ma non basta e non si fa così. L’ex Giunta aveva tutti i suoi innegabili limiti ma effettuava dei lavori a Bruderi almeno ogni quattro mesi, non una volta all’anno”.

© Riproduzione Riservata

Commenti