Graziano Delrio e Nicola Zingaretti

“La direzione del partito ha dato un mandato in pratica all’unanimità al segretario, stasera ci sarà il nome del premier incaricato, poi c’è tanto lavoro da fare. La strada è ancora lunga”. Lo annuncia Graziano Delrio, dopo la direzione del Partito Democratico.

La trattativa. Si va verso la giornata decisiva, dunque, per sciogliere i nodi che ancora frenano un’intesa tra M5s e Pd per la formazione di un nuovo governo, ed in particolare resta da chiarire il ruolo di Luigi Di Maio e c’è poi il malcontento del PD sulla decisione di procedere al voto sulla piattaforma Rousseau da parte del Movimento Cinque Stelle. Le delegazioni del Partito democratico e dei grillini continuano a lavorare ai termini dell’accordo di governo.

Via libera del Pd. La direzione del Partito Democratico ha già dato mandato al segretario Nicola Zingaretti a dare la disponibilità nelle consultazioni a verificare le possibilità di un nuovo governo. Ora si tratta sul nome del premier, che dovrebbe essere Giuseppe Conte, sul vicepremier (se dovrà essere uno e in quota al PD o se invece ancora con lo schema precedente a due) e quindi sul ruolo di Di Maio. Oggi un giro di consultazioni al Quirinale: alle 16 Mattarella incontrerà il PD, alle 17 Forza Italia, alle 18 la Lega, alle 19 M5S.

© Riproduzione Riservata

Commenti