il plesso scolastico di Pallio a Giardini Naxos

Arriva il nuovo dirigente scolastico all’Istituto Comprensivo di Giardini Naxos. Si tratta di William D’Arrigo, che così assume l’incarico in precedenza svolto da Maria Concetta D’Amico, adesso trasferita ad altra sede. Il neo-preside ha sostenuto di recente il Concorso per Dirigenti Scolastici e ora per lui è arrivata l’importante nomina che va a riguardare i plessi scolastici delle scuole elementari e medie di Giardini Naxos ma anche di Gaggi.

Il nuovo preside. William D’Arrigo è un professionista che ha legato la sua vita soprattutto ad un’intensa attività musicale con risultati di rilievo. Ha infatti iniziato la sua attività professionale da giovane a soli 20 anni, come maestro collaboratore presso il Teatro Massimo Bellini di Catania, e ha poi concluso gli studi musicali presso il London College of Music, dipartimento della Thames Valley University di Londra. Diplomato in Chitarra Classica e laureato in Musicologia con Lode, nel 2005 si è abilitato all’insegnamento della Musica e dello Strumento musicale presso il Conservatorio “A. Corelli” di Messina con il massimo dei voti e la lode. Ha già avuto modo di lavorare al fianco di alcuni tra i maggiori artisti del nostro tempo e con orchestre e musicisti di varie nazionalità di tutto il mondo.

William D’Arrigo

Il talento e gli allievi. A suo tempo, gli addetti ai lavori lo hanno definito “uno tra i più geniali ed eclettici giovani musicisti”, rimarcandone “la ricchezza di motivazioni interiori e l’intenso approfondimento interpretativo”. Nel tempo, poi, numerosi suoi allievi sono risultati vincitori di Concorsi Nazionali ed Internazionali, fino ai tanti premi internazionali vinti dalla New O.R.C. Orchestra Riviera dei Ciclopi, che ha fondato e dirige dal 2008.

“Migliorare la scuola”. Adesso dopo il concorso per dirigenti ecco l’incarico a Giardini Naxos e il suo pensiero è andato a “tutti i colleghi che hanno condiviso questi anni di studio intenso finalizzato ad affrontare, con consapevolezza, la delicata ed urgente necessità di creare maggiore benessere all’interno della scuola italiana, contribuendo al suo miglioramento”.

© Riproduzione Riservata

Commenti