Danilo Bevacqua, presidente del Consiglio comunale di Giardini

“Il problema delle aggressioni notturne a Giardini Naxos va contrastato in diversi contesti e nell’analisi del fenomeno va tenuto conto della necessità di una vigilanza nelle strutture anche all’aperto che fanno musica sino a tarda notte e va considerato anche che c’e’ una preoccupante deregulation degli affitti, e con lo locazioni in nero poi diventa difficile persino sapere con esattezza quali soggetti si trovano sul territorio”. Lo afferma il presidente del Consiglio comunale di Giardini, Danilo Bevacqua che cosi interviene nel dibattito sulle aggressioni che nei giorni di ferragosto hanno colpito nelle ore notturne a Naxos prima un 22enne di Biancavilla, accoltellato da un 19enne di Adrano (con arresto già operato dai Carabinieri di Taormina) e poi un 24enne tedesco accoltellato (in corso le ricerche dei due aggressori).

Affitti in nero. “A Giardini nei mesi estivi c’e tanta gente e non è semplice controllare al meglio il territorio. Un problema che va affrontato, una volta per tutte, è quello del numero esorbitante di immobili che vengono affittati in nero. Si tratta di locazioni che non sappiamo esattamente quante siano e soprattutto chi prende in affitto poi quegli edifici. Lo dimostra in modo eloquente la vicenda del latitante arrestato mercoledì scorso a Giardini (il broker della ‘Ndrangheta, Francesco Riitano) che aveva affittato un appartamento nella zona di Recanati”.

Lotta all’abusivismo. “In qualche modo bisogna cercare di contrastare in modo più efficace l’abusivismo che non solo fa un danno al turismo con la concorrenza sleale alle strutture ricettive, e con un minor gettito poi sulla tassa di soggiorno per il Comune, e che porta in zona persone che possono rappresentare un vulnus per la sicurezza e quindi un problema per l’ordine pubblico”.

Troppa musica nei lidi. Bevacqua richiama poi il problema delle tante concessioni ai lidi per fare musica sino a tardi, un aspetto già evidenziato e contestato dal sindaco Nello Lo Turco. “Con 3 mila persone ogni notte in giro per il paese e che arrivano per lo più da altre località e anche da altre province – aggiunge Bevacqua – purtroppo poi si rischiano anche gravi episodi come i recenti accoltellamenti. Le Forze dell’Ordine fanno i dovuti controlli e cercano di fare il meglio possibile. Ma bisognerebbe far dotare di una vigilanza obbligatoria tutti i vari lidi, stabilimenti balneari e dancing vari del litorale. Cosi si potrebbe contribuire ad incrementare i livelli di attenzione sul territorio a fronte di flussi cosi imponenti di giovani che si riversano in zona sino alle prime ore del mattino. Il problema non affligge solo Giardini ma tutto il litorale e ricordiamo un episodio altrettanto grave accaduto poco tempo fa anche a Santa Teresa di Riva e in passato fatti analoghi hanno interessato anche Letojanni”.

© Riproduzione Riservata

Commenti