il vicesindaco di Taormina, Enzo Scibilia

“L’innegabile verità è che non abbiamo personale, siamo pesantemente sotto organico e Quota 100 sta creando seri problemi al Comune di Taormina”. Così il vicesindaco Enzo Scibilia replica alle proteste dei cittadini di Trappitello che nelle scorse ore hanno trovato il cimitero della frazione chiusa.

L’emergenza. “Il sindaco Mario Bolognari – spiega Scibilia – lo aveva anticipato già qualche mese fa e quello che sta avvenendo in alcuni casi come questo è un problema da ricondurre ai riflessi immediati della riforma Quota 100. C’è una forte difficoltà per il nostro Comune a garantire i servizi, a fronte di diversi dipendenti che vanno in pensione ma che non possono essere sostituiti. Non possiamo assumere nuove unità e ad oggi al Comune di Taormina mancano circa 88 unità: credo che questo dato dica tutto. Nei prossimi mesi arriveremo ad una carenza di oltre 100 unità (110 per l’esattezza). Siamo costretti a stringere su tanti servizi. Ma sul cimitero, scusandoci con i cittadini, ci impegniamo a far sì che questi disagi non si ripetano più. Troveremo una soluzione che consenta la normale apertura”.

Coperta corta. “Purtroppo la coperta è corta – rimarca Scibilia -, da anni manca il personale e questo il punto di non ritorno della vicenda. Il fabbisogno è notevole, avremmo necessità di nuovi innesti in tanti uffici e di questi disagi ne risente l’attività comunale e lo vediamo anche e soprattutto sui servizi, a partire dalla viabilità con i pochi vigili urbani rimasti. Lunedì mattina avremo una riunione urgente con il sindaco su questa emergenza dell’organico comunale”.

Serve la deroga. L’ipotesi di chiedere una deroga al Ministero dell’Interno sull’opportunità di fare assunzioni si fa sempre più probabile ed è una necessità: “Taormina – conclude Scibilia – non può essere considerata solo un paese di 11 mila abitanti, abbiamo Un milione di presenze turistiche ogni anno e tanti altri avventori mordi e fuggi, che moltiplicano in modo esponenziale il numero di persone in atto sul territorio. Meritiamo la giusta considerazione”.

© Riproduzione Riservata

Commenti