Matteo Salvini

La dura legge dei sondaggi stavolta fa sentire i suoi riverberi su Matteo Salvini, che paga per il momento i risvolti della crisi di governo, da lui scatenata e che sta portando la Lega all’opposizione. E la conseguenza è un calo di credibilità per il leader del Carroccio e una flessione di consensi per il partito. Lega 5 punti giù nel breve arco di tempo di un mese, Pd e M5s in leggera risalita. Il dato più significativo, infatti, che emerge dal sondaggio Winpoll-Sole24ore, pubblicato oggi dal quotidiano economico, sulle intenzioni di voto degli italiani è il calo di consensi del Carroccio. Quanto ai trend sulle intenzioni di voto registrati da altre rilevazioni – come rimarcato poi da Repubblica nell’analisi della situazione -, l’indagine sottolinea che solo 4 italiani su 10 vogliono andare a votare subito, che il 62% degli elettori Pd vuole l’accordo con il M5s. Mentre gli elettori Cinque Stelle ricambiano la prospettiva del matrimonio con un più tiepido 43%.

Pd e M5S risalgono. Se alle Europee il Carroccio ha registrato il 34,3% dei consensi, “nel sondaggio del 30 luglio era stimata al 38,9%, oggi è scesa al 33,7%”, si legge nell’indagine. Mentre il M5s “recupera rispetto al sondaggio di luglio e il Pd conferma la crescita che si era già manifestata negli ultimi mesi”. Ma, viene spiegato, “né l’uno né l’altro beneficiano significativamente del calo della Lega. In proporzione lo fa più Fdi”. Dal sondaggio emerge che nelle intenzioni di voto al 25 agosto il Pd riscuote il 24% dei consensi “in aumento di sette decimali di punto rispetto alla rilevazione del 30 luglio e di 1,3 punti rispetto al risultato delle europee”. Il consenso del M5s è “nelle intenzioni di voto al 25 agosto del 16%, in ripresa di 1,8 punti percentuali rispetto al sondaggio del 30 luglio, ma sotto di mezzo punto rispetto alle europee”.

© Riproduzione Riservata

Commenti