il sindaco di Giardini Naxos, Nello Lo Turco

“I due accoltellamenti in pochi giorni sono un fatto gravissimo ma non si può e non si deve criminalizzare la nostra città e dare un quadro distorto di quella che è la situazione. Ci sono circa 3 mila ragazzi che ogni notte sono presenti nel nostro territorio e purtroppo questi intollerabili episodi possono accadere ovunque”. Lo afferma il sindaco di Giardini Naxos, Nello Lo Turco, che così commenta la situazione nella località turistica interessata nell’arco di pochi giorni da due gravi fatti di cronaca.

Le aggressioni. L’eco pesante e preoccupante di questo fine estate è quello di due accoltellamenti, rispettivamente avvenuti ai danni di un 22enne di Biancavilla e poi ad un turista tedesco di 24 anni. Il primo è uscito dalla prognosi riservata ed è in via di miglioramento, ed il suo aggressore (un 19enne di Adrano) è stato arrestato dai Carabinieri, mentre nel secondo caso il cittadino straniero se l’è cavata con una ferita a un gluteo, è stato già dimesso e adesso è in corso la caccia ai due aggressori.

L’annuncio. Ma cosa sta succedendo a Giardini? Le notti a Naxos al centro di gravi fatti di cronaca e il sindaco fa un annuncio: “Il Comune di Giardini è pronto a costituirsi parte civile nei confronti di soggetti che compiono questi atti di violenza che vanno a ledere l’immagine, il buon nome, il decoro della nostra città, oltre che la sicurezza di tutti i cittadini e i turisti presenti nel nostro territorio”.

Il vero problema. “Non vorrei intanto che passi il messaggio di una città abbandonata e priva di sicurezza – afferma Lo Turco – e prova ne è il fatto che l’aggressore del 22enne di Biancavilla è stato arrestato dopo pochi giorni, così come è stato arrestato il latitante che si trovava qui in vacanza. C’è la giusta attenzione delle Forze dell’Ordine, e i controlli ci sono con una presenza forte sul territorio. Poi ci sono fatti che non si possono prevedere e la cui indubbia gravità merita certamente una riflessione. A mio avviso il problema parte dalle tante, troppe, autorizzazioni rilasciate ai lidi per fare intrattenimento musicale. Poi la presenza di 3 mila ragazzi ogni notte, purtroppo, fa il resto e in tutta quella folla si va ad infiltrare anche qualche soggetto malintenzionato”.

La casa municipale ha adottato adesso un provvedimento d’urgenza: “Ho emesso un’ordinanza che ha ridotto l’orario per fare musica nei locali e dancing della zona, che prima era possibile fare sino alle 4 di notte. Adesso non si potrà proseguire oltre le ore 3 di notte e in questo senso sono state seguite anche delle indicazioni emerse a seguito di una riunione in Prefettura”. “Quello che ad ogni modo ci teniamo a ribadire – conclude Lo Turco – è che Giardini Naxos non è una città pericolosa come già qualcuno la vorrebbe dipingere e far credere. E’ anche vero che, nei fatti, siamo l’unica località del comprensorio dove c’è vita notturna per i giovani e dove c’è la più significativa presenza di locali che accolgono il cosiddetto “popolo della notte”. Quindi poi c’è un maggiore rischio che episodi del genere si verifichino nella nostra città, anzichè altrove visto che i giovani per la maggiore parte arrivano a Giardini e restano qui sino alle prime ore del mattino”.

© Riproduzione Riservata

Commenti