Quota 100 accelera i pensionamenti

La riforma Quota 100 sta diventando un autentico incubo per il Comune di Taormina, dove si susseguono i pensionamenti ma non c’è possibilità al momento di assumere nessuno perché l’ente è in fase di riequilibrio. Almeno per il momento, la riforma Quota 100 voluta dal governo nazionale rischia di produrre effetti decisamente penalizzanti a Palazzo dei Giurati, dove nella pianta organica del Comune di Taormina c’è una previsione di 159 posti, di cui già ad inizio 2019 ne risultavano coperti soltanto 108, e risulta quindi sempre più difficile portare avanti l’attività degli uffici che si vanno sguarnendo.

Altri 3 pensionamenti. Con 3 deliberazioni del 22 agosto scorso la Giunta del sindaco Mario Bolognari ha disposto il collocamento a riposo per pensione anticipata “Quota 100” di tre dipendenti. A Palazzo dei Giurati è già stato raggiunto e superato il fabbisogno di almeno 51 unità ma non possono essere fatte assunzioni perchè l’ente, come detto, è soggetto al piano di riequilibrio in atto dal 2017. Nel 2019, a fine anno, il Comune di Taormina conterà 17 unità che saranno andate in pensione. “Così alcuni servizi non potranno più essere erogati in forma autonoma”, ha evidenziato il sindaco Bolognari. Si rischia, insomma, di scendere da qui ai prossimi quattro mesi ad una copertura complessiva di posti che lascerà sguarniti diversi uffici, con dei ruoli vacanti che non possono essere al momento coperti da nuovo personale.

Il caso Polizia locale. Eloquente è la situazione della Polizia locale, dove il rischio che incombe sempre più da vicino è quello del declassamento del Corpo. Le dieci unità ad oggi rimaste in servizio stanno per scendere, infatti, a 7, tenendo conto che due unità stanno per andare in pensione e a breve il vicecomandante Daniele Lo Presti si trasferirà a Messina. Almeno per quanto riguarda i vigili urbani. la speranza è che il Ministero dell’Interno possa dare una deroga alle assunzioni altrimenti per i prossimi due anni il Comune di Taormina rimarrà impossibilitato ad integrare nuovo personale.

© Riproduzione Riservata

Commenti