Carabinieri di Taormina

Proseguono le indagini dei Carabinieri di Taormina riguardanti l’aggressione al 22 enne di Biancavilla (Catania), A, S,. accoltellato a Giardini Naxos, la notte tra il 15 e 16 agosto scorso in piazza Kalkis. I militari dell’Arma della Compagnia di Taormina, diretti dal comandante Arcangelo Maiello, stanno lavorando in queste ore per assicurare alla giustizia l’aggressore del ragazzo che si trova adesso ricoverato all’ospedale San Vincenzo di Taormina. Il cerchio attorno all’aggressore si stringe e si tratterebbe di un coetaneo, un giovane di Catania che sino a questo momento si è dato alla fuga ma sul quale i Carabinieri avrebbero ormai raccolto precisi elementi e pesanti indizi di colpevolezza.

Le indagini. C’è stretto riserbo tra inquirenti ma le indagini potrebbero far registrare a breve una svolta. I Carabinieri hanno acquisito i filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona e hanno anche ascoltato almeno una decina di persone che erano presenti sul luogo del grave episodio di cronaca verificatosi nel cuore della località turistica ionica. L’aggressione è avvenuta poco dopo le 3 di notte all’uscita di un noto dancing della zona, in prossimità del lungomare. A.S. è stato raggiunto da un fendente che lo ha colpito al polmone, mentre l’aggressore è scappato e sino a questo momento è riuscito a far perdere le proprie tracce.

Il ferito migliora. Intanto la vittima, il 22 enne di Biancavilla, dopo 3 giorni di prognosi riservata, è in via di miglioramento. Il ragazzo aveva subito la notte dell’accoltellamento una ferita penetrante al torace con lesione del polmone sinistro, emotorace, e pneumotorace. In questi giorni A.S. è stato curato nel reparto di Chirurgia generale del “San Vincenzo”, dov’è rimasto in prognosi riservato sino a tutta la nottata di domenica scorso ed è stato sottoposto a trattamento chirurgico di riparazione della ferita. Ieri mattina i medici hanno finalmente potuto sciogliere la prognosi, che è di 40 giorni salvo complicazioni. Adesso si confida che le condizioni di questo ragazzo possano progressivamente continuare a migliorare e che possa così’ tornare al più presto ad una vita normale.

© Riproduzione Riservata

Commenti