Il premier Giuseppe Conte

Giornata cruciale per la crisi di governo in Italia. Il premier Giuseppe Conte è intervenuto in Senato per riferire sulla crisi di governo e ha annunciato la sua intenzione di andare dal Capo dello Stato per dimettersi.

L’attacco a Salvini. Conte ha così esordito: “Gentile presidente, gentili senatrici, gentili senatori – è l’incipit del discorso del premier -ho chiesto di intervenire per riferire sulla crisi di governo innescata dal leader di una delle forze di maggioranza. Ho sempre sostenuto che in caso di interruzione anticipata di governo, sarei tornato qui, sede istituzionale dove ho raccolto la fiducia. Siamo al cospetto di una situazione grave che comporta conseguenze per la vita del Paese”. “Il rischio dell’esercizio provvisorio è altamente probabile”. Conte è stato poi interrotto dalle proteste dei senatori leghisti quando ha detto: “Il ministro dell’Interno ha seguito interessi personali e di partito”.

La scelta. Durissime le parole di Conte nel suo intervento a Palazzo Madama dove a più riprese ha attaccato Matteo Salvini. La crisi di governo è stata “una scelta di Salvini”: un fatto “grave che comporta una conseguenza grave”. Così il premier Conte nel suo intervento al Senato ha stigmatizzato la decisione del leader leghista di “porre fine alla sua esperienza di governo chiedendo le urne”. Conte ha quindi sottolineato che il ministro dell’Interno “privilegia interessi di partito”, e la scelta dei tempi “denota opportunismo politico”, denunciando come “palesemente contraddittorio” il comportamento di un partito che “presenta la sfiducia senza ritirare i suoi ministri”. L’effetto è che “la crisi in atto compromette l’azione di questo governo che qui si arresta”. Conte ha infine annunciato che salirà al Quirinale per dimettersi.

DIRETTA VIDEO DAL SENATO 

© Riproduzione Riservata

Commenti