il giro di prova effettuato il 7 agosto scorso

Il primo bus elettrico testato il 7 agosto scorso a Taormina ha superato l’esame a pieni voti, ora Comune ed Asm hanno già avviato le valutazioni per stabilire se e come procedere per dotare il trasporto urbano di questi nuovi mezzi. Il bus di 8,70 metri (modello K7U) provato mercoledì scorso è della BYD Consultant, azienda cinese con la quale si andranno a capire i costi di un’eventuale operazione dedita a mettere in servizio a Taormina questa tipologia di bus.

I costi da affrontare. L’iter dovrebbe prevedere l’avvio di una procedura da parte di Asm per ottenere un finanziamento con il quale avere le somme a disposizione da impiegare in questo settore e per reperire in concreto questi bus. A quanto risulta, però, i costi da affrontare sono impegnativi e si ipotizzerebbe una spesa di circa 400 mila euro a mezzo, e per questo lo snodo di tutto dovrebbe essere l’opportunità concreta per la municipalizzata di attingere ai fondi della Regione e avere margini di spesa per dare questa ulteriore svolta al parco mezzi per il trasporto urbano. Inizialmente si potrebbe puntare su almeno due di questi bus elettrici per poi ampliare in termini più consistenti il parco a disposizione di Asm.

Trovare una soluzione. “Il costo è molto alto”, ha ammesso il sindaco Mario Bolognari, che comunque ha evidenziato pure come questi bus consentano “risparmi di gestione che compensano in parte l’investimento iniziale”. La volontà è quella di cercare di trovare una soluzione e dare un seguito al test di qualche giorno fa e puntare mobilità intercomunale ecosostenibile anche l’acquisto di bus elettrici può essere un buon investimento. Si tratta, dunque, di un bus alimentato elettricamente che potrebbe rappresentare il mezzo del futuro per i collegamenti che effettua ogni giorno sul territorio l’Asm sia tra il Lumbi e piazza San Pancrazio, e tra il centro e le frazioni di Mazzeo e Trappitello, senza dimenticare l’ulteriore collegamento con l’ospedale San Vincenzo e la zona di Madonna della Rocca.

© Riproduzione Riservata

Commenti