l'ex scuola elementare Vittorino da Feltre
E’ stato aggiudicato in via provvisoria ad una impresa di Maletto (Catania) l’appalto espletato all’Urega che dopo 15 anni di attesa punta a riportare in attività i locali dell’ex scuola elementare “Vittorino da Feltre” di Taormina. Si tratta della procedura valevole per l’attesa ristrutturazione del plesso che venne dichiarato inagibile nel lontano 2004 poiché non conforme con la vigente normativa sismica. Sono 224 le ditte che hanno partecipato all’appalto all’Urega, mentre in precedenza erano state addirittura oltre 400 le imprese che avevano preso visione dei locali di Via Cappuccini.
Presa d’atto. Nelle scorse ore, con apposita determina, a firma del Rup, arch. Ramona Ponturo, il Comune di Taormina ha preso atto dei verbali di aggiudicazione provvisoria della gara alla “Lsv Costruzioni”. Si tratta di una procedura con importo complessivo dei lavori che è di Un milione 483 mila euro. La vicenda viene seguita con attenzione dall’Amministrazione comunale, ed in particolare dagli assessorati ai Lavori pubblici e alla Cultura, rispettivamente diretti da Enzo Scibilia e Francesca Gullotta. Soddisfazione è stata espressa per gli sviluppi dell’iter proprio dal vicesindaco Scibilia: “La comunità di Taormina potrà nuovamente avere a disposizione l’ex scuola elementare. Nei prossimi mesi potranno essere avviati i lavori e si tratta certamente di un fatto importante per la città. Conosciamo tutti il forte legame che c’è da sempre tra i taorminese e quella scuola, e finalmente potremo restituirla alla fruizione con i necessari interventi di messa in sicurezza e adeguamento sismico”.
Il crono-programma. Il cantiere potrebbe essere avviato già dopo l’estate o comunque entro la fine del 2019.  Si tratta di opere per le quali la Regione ha stanziato a suo tempo Un milione 700 mila euro. Si punta alla “ristrutturazione e manutenzione straordinaria per l’adeguamento alla norme vigenti in materia di agibilità, sicurezza delle strutture e degli impianti, e per l’eliminazione delle barriere architettoniche nel plesso scolastico”. Saranno necessari due anni di lavori e allora la “Vittorino da Feltre” potrebbe tornare in attività forse già per l’anno scolastico 2022-2023.
Scuola materna in altri locali. Per il momento, da 15 anni a questa parte, le classi delle scuole elementari sono state trasferite presso la scuola media “Ugo Foscolo”, dove in tutto questo tempo c’è stata una non semplice convivenza che è stata gestita comunque nel modo migliore dalla dirigente scolastica Carla Santoro. A breve si dovrà anche valutare se, intanto, si renderà necessario spostare altrove, durante l’attività del cantiere, la scuola materna che ha sede nell’unica ala del plesso che sinora è rimasta agibile. Si parla di uno spostamento della scuola materna in una parte dei locali comunali della casa di riposo di contrada Sant’Antonio. Per il futuro viene invece esclusa l’ipotesi di un polo scolastico con elementari e medie in un unico plesso, anche per problemi di viabilità, perché la “Vittorino da Feltre” e la “Foscolo” si trovano in Via Cappuccini, strada che non ha una via di fuga alternativa per le emergenze.

© Riproduzione Riservata

Commenti