l'aggregazione "La Nostra Taormina" vincitrice delle elezioni comunali 2018

I lettori di BlogTaormina bocciano il primo anno di Amministrazione comunale a Taormina. Al termine del sondaggio che abbiamo lanciato il 28 luglio scorso – con il quesito “L’Amministrazione sin qui va promossa, rimandata o bocciata?” – il 56% dei partecipanti ha votato per l’opzione “bocciata”, il 37% ha votato invece “promossa” ed il 7% “rimandata”.

Il risultato. Su un campione definitivo di 847 votanti, che si sono espressi con voto univoco e anonimo, 317 lettori hanno promosso l’attuale Esecutivo, facendo quindi una valutazione positiva dei primi 12 mesi della legislatura in corso, mentre 472 lettori si sono orientati per la bocciatura, giudicando sino a questo momento in termini negativi l’operato dei vertici di Palazzo dei Giurati. Sono stati invece 58 i lettori che hanno tenuto una posizione prudente e interlocutoria e che l’hanno rimandata, preferendo quindi ad oggi non esprimersi né in modo favorevole né in maniera critica nei confronti dell’Amministrazione.

Il sentimento che prevale. Ricordando che non siamo un istituto di rilevazioni e il sondaggio non ha scientificità (repetita iuvant), quando sono trascorsi, dunque, 419 giorni dalle elezioni comunali del 10 giugno 2018, l’orientamento che a quanto pare prevale sul territorio – sia di chi lo abita da residente sia chi lo conosce e/o lo vive a qualsiasi titolo (tenendo sempre conto che in tutti i sondaggi esistenti il voto è libero e aperto a tutti) – al momento è quello di un sentimento critico. La maggior parte dei lettori ritiene che nel primo anno del nuovo governo della città di Taormina le cose sarebbero dovute andare meglio e complessivamente ci si aspettava insomma di più.

I temi. I problemi della capitale del turismo siciliano, si sa, non sono pochi ed è altrettanto vero che nel tempo e nelle legislature sono rimasti in gran parte sempre irrisolti ma il messaggio che arriva dal sondaggio agli amministratori taorminesi – e, a suo modo, potrà rappresentare uno stimolo a far meglio – è che bisognerà cambiare marcia e imprimere un altro passo sui vari nodi irrisolti. Si va verso un finale d’anno denso di appuntamenti amministrativi di rilievo e il 2020 sarà poi un altro anno ancor più cruciale su tanti fronti: dalla raccolta rifiuti che ha da poco cambiato gestione, alla viabilità con il preannunciato project financing per le Ztl, e poi la gara d’appalto attesa per la gestione del Palazzo dei Congressi, ma soprattutto l’eterno tema del turismo del futuro in una Taormina che non decide mai su quale turismo puntare. E bisognerà capire se poi una scelta, in una direzione o nell’altra, la si vorrà realmente fare.

l’esito del sondaggio di BlogTaormina

© Riproduzione Riservata

Commenti