l'assessore al Bilancio, Alfredo Ferraro

“Nel bilancio di previsione 2019 l’Amministrazione comunale di Taormina valuterà tutte le esigenze, comprese quelle del comparto scolastico e assistenziale”. Lo afferma in una nota l’assessore al Bilancio, Alfredo Ferraro, che così in una nota replica alla protesta del Consiglio d’Istituto del Comprensivo 1 e rassicura le famiglie. E’ stata infatti contestata dalle famiglie la scelta del Consiglio comunale che il 18 luglio scorso, nell’ambito dell’avvenuta approvazione del Dup 2018-2020, ha bocciato un emendamento dell’opposizione che prevedeva di “eliminare il contributo da concedere nell’anno 2019 e 2020 di 20 mila euro all’Unesco” e richiedeva di utilizzare la somma ripartendola in “10 mila euro i contributi da concedere alle famiglie bisognose per il mantenimento dei propri figli nelle scuole dell’obbligo e 10 mila euro per l’acquisto di arredi per le scuole dell’obbligo”.

La questione del bilancio. “In riferimento a quanto sollevato dal Consiglio d’Istituto – evidenzia Ferraro – si ritiene utile far presente che, in linea tecnica, l’emendamento riguardava la parte del Bilancio Pluriennale 2019-2020 in quanto nell’esercizio 2018, anno di competenza, nessuna somma era prevista. Anche se fosse stato approvato l’emendamento in questione, lo stesso non avrebbe potuto esplicare alcun effetto nel corso dell’esercizio attuale (2019) in quanto il relativo bilancio di previsione per il 2019 – 2020 – 2021 è in fase di redazione e potrà essere approvato presumibilmente a settembre, dopo l’approvazione del Rendiconto 2017 il cui schema è stato approvato dalla Giunta Municipale con atto n° 209 del 25/07/2019. Pertanto sarà in sede previsionale, nella competenza dell’esercizio 2019, che l’Amministrazione valuterà tutte le esigenze di bilancio occorrenti, fra cui anche quelle relative alle spese del comparto scolastico ed assistenziale. E’ doveroso far presente, ancora, che le previsioni di Bilancio vengono effettuate sulla base delle indicazioni dei Responsabili di Area e di Servizio che si occupano delle materie affidate.

L’opportunità. “L’Amministrazione Comunale – continua Ferraro -, qualora fossero rappresentate esigenze di nuove e ulteriori spese, oltre quelle previste nel pluriennale 2019 e 2020, valuterà la possibilità di inserirle nel redigendo bilancio per la competenza 2019 al fine di poter soddisfare i bisogni rappresentati. In tal senso, si vogliono rassicurare i due genitori che sicuramente verranno stanziate tutte le somme necessarie per assicurare ai nostri studenti sempre migliori servizi scolastici e alle famiglie bisognose il necessario sostegno, auspicando nel prosieguo una continua e fattiva collaborazione con i rappresentanti delle Istituzioni Scolastiche e con le famiglie”.

Il contributo. “In conclusione – aggiunge l’assessore Ferraro – va chiarito che la spesa prevista, di cui all’emendamento non approvato, non afferiva ad un puro e semplice contributo all’Unesco, che è una organizzazione sovra governativa che riceve contributi dai governi aderenti all’ONU e non dai singoli Comuni, ma è una spesa necessaria, invece, per il Comune di Taormina per poter sostenere la Candidatura a Patrimonio Mondiale e MAB che necessita della presentazione di un Dossier e dell’accluso Piano di Gestione redatti a cura di esperti”.

© Riproduzione Riservata

Commenti