piazza IX Aprile

“Il nuovo servizio di raccolta rifiuti a Taormina, con la gestione appena iniziata, sta andando bene. Rimaniamo prudenti e consapevoli che si tratta dei primi giorni ma le indicazioni sinora sono positive”. Lo afferma il vicesindaco Enzo Scibilia che valuta così positivamente la prima fase operativa in città della nuova ditta incaricata delle attività di nettezza urbana, la Tekra. Il nuovo corso della raccolta rifiuti è iniziato il 17 luglio scorso e si tratta dell’impresa che si è aggiudicata l’appalto per Aro Taormina, in attesa del verdetto definitivo che verrà scritto poi dal Tar di Catania a novembre con l’udienza nel merito sul ricorso presentato dalla Onofaro.

Blitz per il servizio. “Noi entriamo nel merito di questa vicenda che si definirà poi nelle sedi competenti – spiega Scibilia -. Ad ogni modo in questi giorni le cose stanno andando in modo incoraggiante e non soltanto noi ma anche i cittadini hanno avuto modo di notare la buona volontà della nuova impresa di cercare quanto più possibile pulita la città. E logico che bisogna migliorare e ci sono ancora dei problemi da affrontare e da risolvere ma il clima che si percepisce anche in città sulla raccolta rifiuti è più sereno, dopo le tante polemiche dei mesi recenti”. Scibilia ha effettuato in questi giorni una serie di blitz nelle ore mattutine per accertare l’andamento del servizio. “Mi ritengo soddisfatto dall’esito dei controlli che ho voluto effettuare e che l’Amministrazione continuerà a fare. C’è la massima attenzione del sindaco Mario Bolognari sull’argomento ed io stesso mi sono recato nelle scorse ore al Ccr per controllare che la separazione dei materiali per la differenziata avvenga correttamente”.

Differenziata al 70%. Il vicesindaco fa poi il punto sulla differenziata: “Siamo al 70% in questo momento nel dato complessivo. Avevamo anche raggiunto il 75% ma siamo in una fase particolare, in piena stagione estiva e adesso l’importante è stabilizzare quel dato e poi ovviamente cercare di migliorarlo. Purtroppo continuano anche gli episodi spiacevoli di qualche atto di inciviltà di persone che conferiscono, soprattutto in Corso Umberto, fuori orario o dopo che sono già passati i mezzi della ditta. Non sappiamo se si tratta di persone che non conoscono l’ordinanza vigente o che forse potrebbero compiere volutamente questi gesti. I controlli contro queste irregolarità proseguiranno e verranno inflitte le giuste sanzioni a chi non rispetta l’ordinanza”.

Caccia agli evasori. Intanto prosegue anche l’azione di individuazione da parte del Comune delle posizioni di cittadini che non erano in regola con la Tari o che non apparivano nemmeno negli elenchi comunali e non si erano mai registrati: “Abbiamo contato sino a questo momento – aggiunge Scibilia – circa 290 nuovi utenti Tari a Taormina. Si sta determinando un recupero di somme in bilancio per le casse municipali di circa 28 mila euro annui e gli accertamenti stanno andando avanti per vedere se ci sono ulteriori situazioni da chiarire ed altri mancati pagamenti da parte degli utenti. Ciò consentirà di ristabilire una condizione equa con i contribuenti che pagano regolarmente e che in questo modo avranno anche modo di poter avere in futuro delle bollette meno pesanti”.

© Riproduzione Riservata

Commenti