Daniele Lo Presti
Daniele Lo Presti, vicecomandante della Polizia locale di Taormina

Il vicecomandante della Polizia locale di Taormina, Daniele Lo Presti, sta per trasferirsi al Comune di Messina. La procedura è ormai alla stretta finale. Manca soltanto il nulla osta  del sindaco di Taormina, Mario Bolognari, e a breve è atteso anche il placet del sindaco di Messina, Cateno De Luca: a quel punto Lo Presti lascerà ufficialmente Taormina dopo soli 2 anni dall’arrivo in città che lo vide avvicendarsi con l’allora vicecomandante Rosario Marra.

Iter in dirittura d’arrivo. Intanto è già arrivata una comunicazione da parte del direttore generale di Palazzo Zanca, Rossana Carrubba (ex segretario generale del Comune di Taormina), inviata a Lo Presti e al sindaco Mario Bolognari, nella quale si chiede di far pervenire al Comune di Messina “Il Nulla Osta propedeutico alla definizione del procedimento”.  E’ arrivata così al punto di definizione la procedura che era stata avviata a seguito dell’istanza di comando formalizzata il 27 giugno scorso da Lo Presti, la richiesta cioè di trasferimento ad altra sede. Lo Presti per motivi personali lascia Taormina e si appresta così a prendere servizio nella Città di Messina. Formalmente, rimarrà un dipendente del Comune di Taormina e si trasferirà per un anno ma, di fatto, si tratterebbe di un passaggio propedeutico poi ad una definitiva scelta di vita e professionale.

La tendenza. Lo Presti nel biennio a Taormina, come in precedenza a Milano, si è distinto e fatto apprezzare per la sua operatività e per i risultati certamente positivi che ha conseguito. Con il suo addio si vanno ancor più assottigliando i ranghi dell’organico della Polizia locale, ormai ridotti oltre la soglia dei minimi storici e – in attesa del bilancio 2019 e di un eventuale via libera del Ministero dell’Interno ad una istanza di deroga per nuove assunzioni – in sostanza si conferma la tendenza acclarata di una città che soffre l’ingovernabilità delle personalità forti, ancor prima che le valide risorse umane, e  le spinge ad altre scelte.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti