la torretta principale del Parco Trevelyan

Il Comune di Taormina prova a stringere i tempi per la necessaria ed ormai irrimandabile ristrutturazione delle torrette della Villa comunale. Le antiche costruzioni a forma di pagoda che vennero edificate all’interno del Parco Trevelyan dall’allora proprietaria dell’area, lady Florence Trevelyan, sono infatti al centro di un progetto che verrà presentato alla Regione dal Comune nell’ambito di uno dei prossimi bandi che metteranno a disposizione delle risorse per questa tipologia di interventi.

L’iniziativa. Si punta, in particolare, al recupero della torretta principale che necessita di una somma pari ad almeno 850 mila euro e della torretta che domina la cosiddetta ex casa del custode, per un importo invece di circa 650 mila euro. Serve, insomma, circa Un milione e mezzo di euro per mettere in sicurezza e restituire alla pubblica fruizione due gioielli del parco di Taormina, che da parecchi anni sono chiusi al pubblico per la necessità di salvaguardare la pubblica incolumità e che soprattutto sono ormai da tempo a rischio crollo. Per questo c’è l’esigenza di fare in fretta e si sta cercando di arrivare ad una svolta.

La riapertura serale. Intanto, nei giorni scorsi il Comune ha riaperto la Villa comunale nelle ore serali, come non accadeva da diversi anni, e anche questo è stato certamente un ulteriore passo in avanti verso il completo maquillage di uno dei luoghi più visitatati dai turisti e dai residenti stessi di Taormina. Il nuovo impianto di illuminazione è stato realizzato con un finanziamento di 100 mila euro intercettato dall’Amministrazione e che ha consentito poi l’immediata esecuzione dei lavori portati a termine in poche settimane. Adesso la speranza è che possa arrivare al più presto il momento buono per salvare le torrette.

© Riproduzione Riservata

Commenti