il Prefetto Maria Carmela Librizzi

“Ho avuto modo di confrontarmi con i vertici dell’Asp Messina del Pronto Soccorso di Taormina ed è una situazione che certamente anche la Prefettura sta seguendo con la dovuta attenzione”. Lo afferma il Prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi sulla questione sicurezza al Pronto Soccorso dell’ospedale San Vincenzo.

Le criticità. “C’è la volontà da parte dell’azienda di affrontare il problema – ha spiegato Sua Eccellenza, il Prefetto Librizzi – e il mio auspicio è che si possa arrivare quanto prima ad una soluzione risolutiva. Le criticità che sono emerse riguardano la carenza di organico in forza al reparto e la sicurezza degli operatori e dell’utenza anche alla luce della recente aggressione dei giorni scorsi al primario del PS di Taormina. Per quanto concerne, nello specifico, la questione della sicurezza abbiamo avuto modo di constatare che sono già in atto delle iniziative finalizzate a dotare i Pronto Soccorso della provincia di sistemi di videosorveglianza e a Taormina, per altro, l’impianto è già stato installato nei mesi scorsi. Anche questo è uno strumento utile per la repressione di fenomeni di violenza”.

Il presidio di polizia. “Realisticamente non si può immaginare di avere un presidio di polizia in ogni ospedale – evidenzia il Prefetto di Messina -. Possono esserci altre soluzioni, che non spetta a noi indicare ma che sono certa verranno valutate. E’ importante tenere alta l’attenzione sulla vicenda ed occorre una collaborazione tra organi istituzionali ed addetti ai lavori, nell’interesse di tutti”.

© Riproduzione Riservata

Commenti