L'elipista che era stata realizzata provvisoriamente per il G7 al Piano Porto
L'elipista realizzata nel 2017 per il G7 al Piano Porto

Si intensificano le grandi manovre in città per affrontare l’emergenza parcheggi e ieri mattina è arrivata ad una svolta la trattativa per il Piano Porto. La proprietà privata dell’area che fu sede di una elipista provvisoria per il G7 2017 a Taormina ha dato il via libera per concedere i terreni in affitto ad Asm. L’Azienda servizi municipalizzati ha annunciato che “l’avvocato Dario Schettini, per conto della Eurotel Taormina Srl, società proprietaria del terreno di contrada Piano Porto, ha dato disponibilità a concedere l’area dal 21 luglio al 31 agosto, a fronte di un corrispettivo di 6 mila euro oltre Iva”.

La trattativa e i sopralluoghi. Il 4 luglio scorso Asm aveva richiesto anche una “riduzione del canone di locazione” alla proprietà di Piano Porto ma nelle 24 ore successive è stato però comunicato all’azienda sempre dal privato di “non poter ridurre il canone di locazione”. La scorsa settimana c’è stato un sopralluogo sia da parte del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, sia della Motorizzazione di Palermo, dalla quale si attende il nulla osta sia per Piano Porto che per l’altra area individuata, il campetto comunale di Viale Italia (dove però c’è il problema di un’unica via di accesso e di uscita che è piuttosto stretta). Gli sviluppi della vicenda vengono seguiti con evidente interesse anche dal Comune ma secondo Asm, in sostanza, “allo stato attuale l’unica area idonea e disponibile per la sosta emergenziale è quella di Piano Porto”.

© Riproduzione Riservata

Commenti