il vertice a Palazzo dei Naxioti sul dumping contrattuale

Come aveva fatto nei giorni scorsi il Comune di Taormina, anche il Comune di Giardini Naxos annuncia ufficialmente l’avvio di azioni mirate a contrastare il fenomeno del dumping contrattuale sul territorio e nello specifico per i lavoratori del turismo e commercio. Il sindaco Nello Lo Turco ha assicurato nelle scorse ore un intervento della sua Giunta a conclusione di un incontro tenutosi al Palazzo dei Naxioti con la Cisl di Messina rappresentata dal segretario generale Tonino Genovese, dalla segretaria territoriale Mariella Crisafulli, e per la Fisascat Messina Pancrazio Di Leo, Salvatore D’Agostino, Mario Ianniello e Giovanni Rigano.

Atto di indirizzo. L’Amministrazione comunale di Giardini si è impegnata ad approvare un atto di indirizzo nei confronti di commercianti, esercenti ed imprenditori del settore per l’applicazione dei contratti nazionali sottoscritti dalle organizzazioni sindacali più rappresentative. “Il Comune – ha dichiarato Lo Turco – si è già mosso per tempo intervenendo per agevolare il settore del turismo tramite un notevole abbassamento della tassa di soggiorno ed annullandola nel periodo di bassa stagione per favorire il prolungamento dell’attività. Ci aspettiamo, quindi, che anche gli operatori diano dignità al lavoro ed ai lavoratori con contratti regolari”.

Concorrenza sleale. “Occorre – hanno evidenziato i rappresentanti della Cisl e della Fisascat – lavorare in sinergia per contrastare e arginare il fenomeno dei “contratti pirata”, quelli siglati da associazioni datoriali minoritarie e organizzazioni sindacali poco rappresentative con condizioni economiche e normative peggiorative rispetto ai contratti di settore. Si rischia una corsa al massimo ribasso sul costo del lavoro in termini di retribuzioni e diritti dei lavoratori, e anche su salute e sicurezza. C’è una concorrenza verso le imprese che rispettano le regole e applicano la contrattazione nazionale delle organizzazioni sindacali più rappresentative. Una condizione intollerabile perché il lavoratore spesso è costretto ad accettare un accordo al ribasso pur di non perdere il posto di lavoro e uno stipendio ridotto che produce minori entrate per il Comune in termini di oneri e tasse”. La Cisl ha invitato l’Amministrazione di Giardini anche ad applicare la normativa prevista dal Decreto Crescita secondo cui, gli Enti locali competenti al rilascio di licenze, concessioni e relativi rinnovi, siano subordinati al regolare pagamento dei tributi locali.

© Riproduzione Riservata

Commenti