Polizia locale nel centro storico di Taormina

L’atavica questione della carenza di vigili urbani a Taormina potrebbe arrivare ad una svolta dopo l’approvazione del bilancio di previsione 2019 che l’Amministrazione conta di far esitare al Consiglio comunale entro il mese di luglio. I vertici di Palazzo dei Giurati hanno, infatti, predisposto un piano che prevede l’ampliamento dell’attuale organico ormai ridotto ai minimi storici. A quanto risulta si punta all’assunzione di 5 (o 6) agenti attraverso la mobilità e a questi si aggiungerebbero 8 contrattisti. Le 13 unità che il Comune intende metterebbe a disposizione del Corpo di Polizia locale si integrerebbero con i soli 9 uomini rimasti oggi a disposizione e tenendo anche conto che nel frattempo si prospettano altri due pensionamenti. Il piano economico che tiene conto del fabbisogno del personale è in fase di predisposizione e, una volta esitato il bilancio in aula, la Giunta chiederà il nulla osta del Ministero dell’Interno.

L’ostacolo del predissesto. Al momento, infatti, Taormina si trova in fase di riequilibrio, in una condizione cioè di predissesto, che bloccherebbe qualsiasi forma di nuove assunzioni in pianta organica. Tuttavia è altrettanto vero che in questo caso c’è da garantire la sicurezza urbana e si parla di un ambito come la Polizia locale che attiene al controllo del territorio, nelle molteplici competenze che vanno dalla viabilità al contrasto delle varie forme di illegalità e abusivismi (come la lotta all’ambulantato selvaggio). Per questo si cercherà di ottenere una deroga e potrebbe esserci una trasferta del sindaco Mario Bolognari a Roma per intensificare il pressing sul Viminale e arrivare ad un punto di svolta sulla questione. In questo modo si andrebbe ad evitare il paventato rischio del declassamento del Corpo di Polizia locale che altrimenti ridurrebbe questo settore ad un semplice servizio come altri e rappresenterebbe, insomma, un fatto negativo per la capitale del turismo siciliano e per la città che due anni fa è stata sede di un G7.

No comment. “Le assunzioni nella Polizia locale? Vedremo cosa accadrà. Per adesso dico no comment e non aggiungo altro. Ci sarà tempo e modo per chiarire una volta per tutte la situazione nei prossimi giorni”, risponde l’ispettore capo Nino Raneri, rappresentante sindacale degli agenti di Polizia locale di Taormina. Si va, insomma, verso una fase che potrebbe davvero risultare decisiva in una situazione Giunta ad un punto di non ritorno. La Polizia locale di Taormina, costretta ad affrontare questa stagione estiva, come già la precedente, con il supporto della Polizia Metropolitana, attende rinforzi che non possono più tardare ad arrivare.

© Riproduzione Riservata

Commenti