La sbarra in Via Timeo
la sbarra in Via Timeo

Stretta in arrivo sui telecomandi per la sbarra di Via Timeo. Doveva rappresentare un argine alla viabilità “selvaggia” che per tanti anni ha caratterizzato il transito aperto a tutti i veicoli verso piazza Santa Ceterina, con i conseguenti pericoli per i pedoni che si trovano in Corso Umberto e invece la sbarra di Via Timeo sembra aver già perso decisamente l’efficacia per la quale era stata pensata e istituita.

Troppi telecomandi. La sbarra è stata posizionata, a suo tempo, per ridurre i flussi di accesso in zona e consentire il passaggio dalla Via Timeo sino alla discesa di Palazzo Corvaja e poi in piazza Santa Caterina e da lì in Via di Giovanni ai soli residenti in zona autorizzati dal Comune. Tuttavia, ormai da tempo, quei telecomandi sono stati clonati, il numero dei mezzi che può accedere al Corso dalla sbarra di Via Timeo si è moltiplicato ed è evidente che c’è un problema di viabilità e di sicurezza da affrontare e da risolvere. Per questo il Comune sta predisponendo un accertamento sulla situazione, a cura della Polizia locale, e si va verso un provvedimento che potrebbe arrivare da qui a breve per regolamentare lo stato delle cose anche nell’ottica del futuro piano di viabilità che dal 2020 vedrà l’attivazione di un sistema di controllo elettronico della circolazione con Ztl e telecamere.

Valutazioni in corso. Le ipotesi al vaglio sono almeno due. Potrebbero essere previsti dei nuovi telecomandi in sostituzione di quelli attuali, ripartendo insomma da zero, ma in questo caso il rischio concreto è quello poi di ritrovarsi tra non molto tempo punto e capo con una replica di quanto avvenuto sino a questo momento. L’altra ipotesi è quella di consentire l’accesso soltanto a chi dispone di un garage, ma anche questa soluzione sembra non di non semplice fattibilità e già si riscontrano in città i primi mugugni se dovesse essere questa la scelta. Di certo c’è che così non si può continuare e la sbarra di Via Timeo rischia di servire a ben poco con tutti i telecomandi ora in circolazione.

© Riproduzione Riservata

Commenti