Palazzo dei Giurati, sede del Comune di Taormina

Stretta in arrivo a Taormina sui pass turistici. L’Amministrazione procederà infatti alla revisione dei permessi in circolazione con particolare riferimento nel caso specifico ai tagliandi di cui risultano in possesso i gestori di bed and breakfast e case vacanza. “E’ un’attività di controllo che il sindaco e la Giunta vogliono avviare quanto prima”, ha confermato l’assessore al Commercio e Turismo, Andrea Carpita. Si tratta di una materia sulla quale si proverà a fare chiarezza sulle situazioni che, in riferimento a precedenti ordinanza del passato, vengono ritenute dai vertici di Palazzo dei Giurati di “dubbia interpretazione” e ad “interpretazione discrezionale”.

Quale criterio? In sostanza non ci sarebbe al momento un criterio che disciplinerebbe in modo esatto l’assegnazione di questi permessi alle strutture ricettive in un contesto dove, per altro, cresce sempre di più il numero di b&b e case vacanza presenti in paese, e per questo si cercherà di rimodulare il tutto. L’indirizzo dell’Amministrazione è quella di far sì che dalle autorizzazioni attuali si passi ad una differente gestione di questo ambito, eliminando i passi turistici e facendo sì che i mezzi degli ospiti delle strutture extra-ricettive possano usufruire dei parcheggi comunali o eventualmente dei garage privati presenti sul territorio.

Revisione per il 2020. La questione si inserisce nel più ampio discorso della revisione dei pass già avviata dal Comune in vista della futura gestione elettronica della viabilità con le Ztl e le telecamere. In previsione di quanto verrà posto in vigore dal 2020 il Comune procederà ad un ritiro temporaneo nei prossimi mesi di tutti i vari pass attualmente in circolazione, e verranno poi distribuiti quelli nuovi. A quel punto ci sarà chi avrà pieno titolo ad avere il nuovo pass e chi invece, in base alle verifiche da parte degli uffici comunali, potrebbe non avere più diritto al permesso che attualmente detiene. La Polizia locale si è già mossa per porre uno stop definitivo ai pass a tempo determinato, altra tipologia di permessi che negli anni scorsi venivano rilasciati dal Comune e ora non sono più validi.

Il boom dei pass. In una città, d’altronde, dove i residenti sono 11 mila e buona parte di questi sono comunque possessori di seconde case e abitanti stagionali, nelle varie legislature comunali il numero di pass rilasciati è cresciuto in termini progressivi ed esponenziali, toccando proporzioni tanto paradossali quanto imbarazzanti. Stando ad alcune stime a Taormina si sarebbe addirittura arrivati a 13 mila pass in circolazione. Ecco perchè serve una sforbiciata che dia una svolta e metta finalmente ordine. In prospettiva il Comune prevede di approntare una “white list” e una “black list”, differenziando insomma le autorizzazioni ma anche i relativi divieti di transito alle zone della città.

© Riproduzione Riservata

Commenti