Italo Mennella, presidente degli Albergatori di Taormina

L’Associazione Albergatori Taormina scrive al presidente della Regione, Nello Musumeci e all’assessore regionale al Turismo, Sandro Pappalardo per avere chiarimenti sulla chiusura di sabato del Servizio Turistico Regionale che ha sede in città a Palazzo Corvaja. Un’apposita nota sull’indisponibilità nei fine settimana del Str, che priva i tanti turisti del servizio di assistenza dato dall’ex Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo, è stata inviata al governatore dal presidente degli operatori economici, Italo Mennella.

Quali ragioni? “Con mio stupore e, devo ammettere, smarrimento – afferma Mennella -, apprendo che il Servizio Turistico in oggetto, ossia l’ufficio informazioni della Città di Taormina, quest’anno non sta offrendo l’usuale servizio di accoglienza turistica nella giornata del sabato. Si tratta di un servizio che da anni – solitamente a partire dalle festività pasquali e in coincidenza con il repentino incremento dell’affluenza turistica – veniva offerto con passione dai dipendenti dell’ufficio. Mi chiedo quali possano essere le ragioni che hanno portato a questa scelta, una scelta che compromette drasticamente i servizi offerti da questa città che vive di turismo e che si vanta di essere la “capitale” del turismo siciliano con Un milione di presenze registrate ogni anno”.

Scelta mortificante. “Una città come Taormina – continua Mennella – dovrebbe poter stupire positivamente il turista offrendo il servizio informazioni turistiche della Regione anche nella giornata di domenica e non far trovare le porte chiuse di sabato. E’ così che vogliamo fare turismo? È una decisione a dir poco penalizzante ma anche mortificante per noi tutti imprenditori della ricettività che – meno che mai in questo periodo – non conosciamo giorni di riposo”. Poi l’appello al presidente Musumeci: “Presidente, siamo sicuri che comprenderà il mio stupore per questa decisone presa dal Servizio Turistico Regionale della Regione Siciliana e le sarei estremamente grato se volesse aiutarci a comprenderne le motivazioni di questa scelta”.

© Riproduzione Riservata

Commenti