l'ex villaggio Le Rocce a Mazzarò

Spunta un nuovo scenario a sorpresa per il futuro dell’ex villaggio turistico Le Rocce di Taormina. Anche la Regione Siciliana starebbe, infatti, valutando l’opportunità di farsi avanti per dare un futuro all’oasi di cui è proprietaria l’ex provincia regionale di Messina. Si tratta di un bene che rischia di rimanere in stato di abbandono ancora per molto tempo e sul quale la Regione potrebbe così muoversi per tornarne in possesso, visto che la proprietà un tempo apparteneva proprio a Palermo.

Valutazioni in corso. La Rocce interesserebbe all’assessorato ai Beni Culturali, dove però ogni scelta strategica, per forza di cose, sarà rimandata alla nomina poi del futuro assessore che prenderà il posto del compianto Sebastiano Tusa. Sullo sfondo potrebbe anche prospettarsi un’operazione analoga a quella che – pur con tutte le differenze del caso – ha portato nei mesi scorsi la Regione ad acquisire il Castello di Schisò a Giardini Naxos, per il tramite del Parco di Naxos, che adesso gestisce l’ormai ex Palazzo Paladino. Ma agli sviluppi del caso starebbe guardando con interesse anche l’assessorato al Turismo per ulteriori possibili destinazioni d’uso. Le valutazioni sono in corso e nelle prossime settimane potrebbero esserci importanti novità.

La trattativa con il Comune. Le Rocce di recente è stato oggetto di una discussione tra Comune di Taormina e Città Metropolitana, per un possibile trasferimento del bene alla Città di Taormina. La valutazione de Le Rocce si aggira tra i 7 e gli 8 milioni ma la cessione tra enti pubblici, per destinare l’immobile al Comune, pare possa avvenire al 10% della rendita catastale, per 700-800 mila euro. Ora questa soluzione potrebbe complicarsi se anche la Regione deciderà di muoversi per Le Rocce e considerate le difficoltà economiche dell’ente locale taorminese, a Palermo potrebbero insomma anticipare il Comune e riprendere la proprietà del villaggio. La decisione spetterà all’ex Provincia regionale di Messina, con la certezza che comunque l’ex villaggio Le Rocce non potrà rimanere chiuso in eterno e c’è bisogno di una svolta.

Obiettivo riapertura. Nella Perla dello Jonio si confida in un’intesa che consenta la rifunzionalizzazione dell’ex villaggio per farne un centro culturale o un parco naturale, con l’opportunità di una fruizione da parte di tutti ed anche per dare un’attrattiva ai visitatori che nella zona a mare potrebbero godere dell’incanto di un luogo di grande fascino. Le Rocce, chiuso ormai dal 1972, come si ricorderà, era stato concesso nel 2015 Fondazione Fiumara d’Arte: una breve esperienza poi conclusasi per effetto di una sentenza del Cga che ha decretato il ritorno del complesso all’ex Provincia.

© Riproduzione Riservata

Commenti