litorale di Taormina

A distanza di 24 ore dal provvedimento che era stato preso giovedì scorso, il Comune di Taormina revoca l’ordinanza sindacale sul divieto di balneazione in tre zone del litorale della città. Nella giornata di ieri, infatti, l’Asp Messina ha comunicato i risultati di ulteriori analisi condotte su campioni d’acqua di balneazione effettuate nelle aree in oggetto ed è emerso che il tutto è rientrato nei valori normali di legge. Si tratta per l’esattezza della foce del torrente Sirina, la zona Taormina Stazione Ferroviaria e l’area Taormina Camping San Leo. In questi punti del litorale, con apposita nota acquisita agli atti d’ufficio del Comune giovedì scorso, l’Asp Messina aveva comunicato il superamento dei valori limite indicati dalla vigente normativa del 2010.

Valori rientrati. Adesso l’Asp ha comunicato, come detto, che i valori sono rientrati nella norma e le analisi condotte su campioni di acque di balneazione hanno fatto rientrare la necessità di porre in essere il divieto di balneazione. I valori erano per quanto riguarda e.coli a 500 mentre adesso il valore aggiornato è 1, mentre per enterococchi gli esami rimangono in corso. I campioni che avevano portato al divieto di balneazione, per l’esattezza, erano stati rilevati il 13 maggio scorso e sulla base di quei risultati la casa municipale era stata chiamata ad attivarsi di conseguenza e, quindi, ad “intervenire con immediatezza a tutela dell’incolumità pubblica”. Per questi ulteriori sviluppi della situazione, il sindaco Mario Bolognari ieri mattina ha firmato l’ordinanza di revoca del “divieto temporaneo della balneazione nelle aree indicate”. Il divieto che non è più in essere libera dai relativi vincoli di fruibilità il tratto di litorale compreso tra 100 metri a Nord e 100 metri a Sud delle tre aree.

© Riproduzione Riservata

Commenti