Il sindaco di Giardini Naxos, Nello Lo Turco
il sindaco di Giardini Giardini Naxos, Nello Lo Turco

L’incidente autonomo che ha riguardato giovedì scorso un tir ribaltatosi in A18, all’altezza di Sant’Alessio Siculo, lascia strascichi polemici e il sindaco di Giardini Naxos, Nello Lo Turco scrive una lettera di protesta al Prefetto di Messina e al Consorzio Autostrade Siciliane. Lo Turco esprime, con toni forti, il suo disappunto per la decisione che si è ripetuta, ancora una volta, di deviare il traffico veicolare su Giardini Naxos, con i relativi disagi che per diverse ore hanno interessato la seconda stazione turistica siciliana.

L’unica valvola di sfogo. “Non è più ammissibile – afferma Lo Turco – quanto avvenuto giovedì scorso e quanto si verifica ormai puntualmente quando c’è un incidente in autostrada – spiega Lo Turco -. Giardini Naxos è rimasta praticamente paralizzata per diverse ore con il traffico che ha intasato la nostra città e con difficolta enormi per gli spostamenti, di riflesso, anche sulla strada statale. Non possiamo essere sempre noi la sola e unica valvola di sfogo per ovviare alle criticità della A18. Sono preoccupato ma soprattutto arrabbiato per quello che potrà accadere nella stagione turistica che ormai sta iniziando. C’è anche il casello di Taormina, e si potrebbe pianificare una gestione insomma più equa e maggiormente razionale dei flussi veicolari, anziché dirottare la pressione veicolare soltanto su Giardini Naxos”.

Ambulanze in trappola. “Forse non ci si rende conto che le ambulanze che si muovono da e per l’ospedale, tra Giardini e i centri della Valle Alcantara rischiano di restare bloccate nel traffico e quindi c’è un rischio per la vita dei pazienti, specie in quei casi in cui anche pochi minuti fanno la differenza tra la vita stessa e la morte”, aggiunge Lo Turco. La circolazione in direzione Messina, in occasione del più recente incidente, come in altre circostanze, è rimasta paralizzata per diverse ore, sino al primo pomeriggio. I veicoli che sopraggiungevano da Catania venivano fatti uscire allo svincolo di Giardini Naxos e deviati sulla Statale 114, per poi riprendere la A18 al casello di Roccalumera.

L’agnello sacrificale. “Il problema – avverte il sindaco di Giardini – è serio e va affrontato. Così non si può più andare avanti e lotteremo in ogni modo possibile affinché questo stato di cose venga rivisto. Non si può fare della nostra città l’agnello sacrificale dei disagi della viabilità di un intero comprensorio”.

© Riproduzione Riservata

Commenti