bus turistico a Taormina

Il Comune di Taormina prende atto del parere negativo espresso dalla Regione sul passaggio dei bus in galleria ma sembra intenzionata ad andare avanti e già prepara le contromosse per sbloccare l’iter dell’apposita ordinanza sin qui finita in stand by. La valutazione espressa dall’assessore regionale Assessorato Infrastrutture e Mobilità non è, infatti, vincolante e a questo punto la Giunta del sindaco Mario Bolognari vuole comunque andare avanti con le modifiche alla viabilità che sarebbero dovute scattare già dal 6 maggio scorso.

La soluzione. L’ordinanza finita nel “congelatore” potrebbe tornare d’attualità ed entrare in vigore già nei prossimi giorni. In sostanza, la Regione ha dato un parere in merito ai percorsi effettuati dai bus turistici e ha ritenuto il passaggio dei pullman scoperti in galleria, come invece disposto dal Comune. E allora l’Amministrazione chiederà ai vettori che operano sul territorio di adeguarsi e coprire i mezzi, dotandoli cioè di apposite chiusure per il passaggio in galleria.

Via libera a fine mese? L’ordinanza della discordia, dunque, non è affatto tramontata e potrebbe scattare già nei prossimi giorni. E si va verso una svolta anche per l’altro problema che si era posto, l’assenza dell’apposita segnaletica da installare sul territorio. E’ in itinere la procedura di assegnazione dei lavori di somma urgenza a una ditta specializzata, e non appena saranno stati completati i relativi adempimenti da parte dell’Ufficio Tecnico comunale, verranno posizionati i relativi cartelli sulle modifiche previste alla viabilità.

Le novità previste. L’ordinanza ora in stand by concerne, ricordiamo, la via Circonvallazione, destinata a diventare transitabile con i mezzi solo in salita, cioè in direzione valle-monte. Di conseguenza si prevede che i bus che sin qui percorrono la circonvallazione anche in direzione monte-valle, si sarebbero dovuti spostare in galleria e nello specifico immettendosi nel tunnel Kitson e poi nella galleria Monte Tauro che connette il versante sud della città con quello nord (dalla zona del parcheggio Porta Catania a quella opposta di Porta Messina, all’altezza del Lumbi). L’ordinanza concerne un ampio perimetro viario che si articola tra le vie Pirandello, Costantino Patricio, Leonardo da Vinci (Sp10), San Pancrazio (viale e piazza). Si cerca una soluzione, facendo d’altronde i conti con l’ineludibile necessità di alleggerire dall’eccessivo numero di bus che transita in centro e che si trova poi sulla circonvallazione, quando da Castelmola e da Taormina alta scenderanno verso il centro di Taormina.

© Riproduzione Riservata

Commenti