spazzatura alle Case popolari

Cumuli di spazzatura e i residenti che si sentono abbandonati. E’ lo scenario che si fa sempre più amaro alle Case Popolari di Trappitello, mai come in questo caso periferia abbandonata di Taormina dove a pochi passi dalle abitazioni delle numerose famiglie che risiedono nelle palazzine di Via Paladini c’è una discarica a cielo aperto con rifiuti di ogni genere che non vengono portati via ormai da non si sa bene quanto tempo. Il degrado avanza e da quelle parti, al di là della buona volontà di alcuni residenti e dell’inciviltà di altri, il porta a porta sembra la rappresentazione estranea e beffarda di un servizio di raccolta che appartiene al resto della città ma non alle case popolari. “Quartiere Messicano”, così in modo eloquente e certamente condivisibile, un residente ha definito con rabbia il popoloso quartiere di Trappitello, sito a pochi passi dalla SS185, ridotto a “zona periferica di Taormina dove i politicanti di turno si fanno vedere solo per le elezioni, zona dimenticata da anni da tutti”.

Residenti di serie A e B. “La spazzatura ci invade”, lamentano gli abitanti delle case popolari, in un’area dove non mancano anche soggetti che, a quanto pare, vengono a scaricare qui la spazzatura da altre zone dell’hinterland, e per questo si chiede che non soltanto vengano raccolti i rifiuti accatastati in strada ma anche che “vengano puniti gli incivili”. Servirebbero, insomma, fototrappole e controlli ma soprattutto maggiore decoro e tutta un’altra considerazione verso un quartiere che merita rispetto e che – legittimamente – reclama di non voler essere trattato come un rione di “serie b”, come invece da tanti anni (o forse è meglio dire da sempre) viene visto. I residenti che la spazzatura depositata per strada venga rimossa al più presto anche per scongiurare problemi igienici-sanitari. “Ratti, blatte, formiche, non se ne può più”, è lo sfogo di chi abita da quelle parti e assiste con forte disappunto a una situazione che va decisamente attenzionata e cambiata al più presto.

© Riproduzione Riservata

Commenti