tornano gli ambulanti in Corso Umberto

Torna la stagione turistica a Taormina e con l’arrivo dei vacanzieri a spasso per il centro storico, si ripropone puntualmente la solita emergenza di ogni anno con la presenza dell’ambulantato selvaggio nel “salotto” della città. Come ogni anno, puntualmente, sono riapparsi infatti in diversi punti del Corso Umberto le lenzuola bianche degli ambulanti extracomunitari che fanno concorrenza alle attività del luogo e scatenano le proteste degli operatori economici.

Emergenza irrisolta. Sono già iniziati anche i primi blitz con sequestri di merce da parte della Polizia locale, che però dispone di pochi agenti in organico e non può effettuare insomma dei servizi in grado di garantire con continuità una presenza in grado di arginare il fenomeno. Lo scenario è quello di sempre con gli ambulanti che dopo aver subito il sequestro di merce poi riappaiono con altra merce, riforniti da chi (da fuori Taormina) gestisce quello che è un vero e proprio racket di cui questi stessi venditori sono vittime. A differenza dello scorso anno, Taormina non è stata inclusa dal Ministero dell’Interno nell’operazione “Spiagge sicure”, che nell’estate 2018 aveva garantito risorse preziose per contrastare il commercio non autorizzato. Si va, insomma, verso un’altra estate di sofferenza sul fronte di questa irrisolta problematica.

Lotta con Whatsapp. Rispetto al passato un aiuto arriva dalla tecnologia con l’avvenuta creazione di un gruppo “Whatsapp” che mette in contatto in tempo reale con un semplice messaggio tramite cellulare i commercianti e la Polizia locale, segnalando il problema anche con le relative foto che mostrano la presenza degli ambulanti non autorizzati. La problematica comunque rimane, anche se il Comune cerca di contrastarla e oltretutto quest’anno gli ambulanti in qualche caso si sono “attrezzati” anche di postazioni con tavolini, che ovviamente all’arrivo dei vigili urbani poi vengono subito richiusi e portati via nelle più vicine traverse. La fida all’ambulantato, ad ogni modo, è destinata a tenere banco anche stavolta per tutta l’estate.

© Riproduzione Riservata

Commenti